Debiti Pa, Renzi convince l'Europa: «Direzione giusta»

© Getty Images

Prima vittoria del governo di Matteo Renzi sull'Ue. Dopo le tensioni sulle riforme, la risposta offerta da Roma alla Commissione europea sulla messa in mora per i debiti della Pa «va nella giusta direzione» per la chiusura della procedura d’infrazione.

La risposta arriva dal commissario all’Industria Nelli Feroci che parla di un «segnale molto forte» arrivato dal premier che ha confermato il pagamento di 56 miliardi di euro di arretrati.

A far muovere l'Ue erano stati i ritardi monstre nel pagamento degli arretrati da parte della pubblica amministrazione italiana: 170 giorni la media di attesa per le imprese che forniscono beni e servizi e addirittura 210 per i lavori pubblici.

La Ue impone il pagamento entro 30-60 giorni e tassi d'interesse più alti per la mora rispetto a quelli pagati sinora nella penisola.

Tra le procedure scorrette rilevate, c'è anche l'abitudine di ritardare i rapporti sull’avanzamento dei lavori per posticipare i pagamenti.