Draghi: “Crescita mondiale in calo; ogni Paese ha la sua strada da seguire”

Mario Draghi © GettyImages

L’opinione del presidente della Banca centrale europea; priorità il ripristino della disciplina fiscale e l’attuazione del Fondo salva Stati. “Abbiamo bisogno di un sistema finanziario più resistente, con meno debito e più capitale”

Il consolidamento delle economia porterà inevitabilmente a una frenata della crescita nel breve termine, ma “non ci può essere un compromesso tra austerità fiscale e strategie per la crescita. Devono andare mano nella mano” e “ogni Paese ha la sua strada da seguire”. Per alcuni paesi la situazione “non sarebbe sostenibile neanche se fossero fuori dall'area euro e svalutassero la propria moneta”, il che darebbe solo un sollievo “temporaneo”. E l’opinione di Mario Draghi , in un'intervista al Financial Times in cui il presidente della Bce ammette una decelerazione della crescita economica a livello mondiale. “Potremmo avere un significativo rallentamento dell'economia in diverse parti del mondo – spiega – Però abbiamo effettuato un ampio lavoro per il migliore funzionamento dell'Unione economica, dovremmo trarne elementi di fiducia”.

L'intervista a Mario Draghi del Financial Times ; Mario Draghi: il compito di salvare l'euro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.