Parlamento, commissioni speciali per esodati e debiti P.A.

In attesa di un governo, le due camere muovono i primi passi: costituite commissioni speciali per lo sblocco dei pagamenti da parte dello Stato verso le imprese e per esaminare la questione esodati

Il nuovo Parlamento prova ad anticipare i tempi per risolvere alcune questioni spinose legate all’economia del nostro Paese: da una parte il problema dei pagamenti da parte della pubblica amministrazione nei confronti delle imprese , dall’altra la questione esodati . L’obiettivo delle commissioni temporanee è quello di procedere speditamente per mettere sul tavolo delle aule di Camera e Senato i provvedimenti più importanti già dal 2 aprile. Primo punto all’ordine del giorno sarà l’aggiornamento del Def (Documento di economia e finanza), condizione necessaria affinché il nuovo governo (qualunque esso sia) possa varare il pacchetto pro imprese. Le commissioni lavoreranno anche per la terza tranche delle misure per i cosiddetti esodati, coloro che, causa riforma Fornero, sono rimasti senza pensione e senza lavoro. Il decreto da approvare riguarda 10 mila lavoratori, che porterebbe il totale dei 'salvaguardati’ a quota 130 mila.
Le commissioni si sono riunite oggi, giovedì 28 marzo, svolgendo audizioni in diretta YouTube e sulla Web Tv della Camera. Per un’attività conoscitiva preliminare da parte delle commissioni si sono succedute le audizioni del ministro dell’Economia e delle finanze, Vittorio Grilli ; del ministro per gli Affari europei, Enzo Moavero Milanesi , del presidente Istat, Enrico Giovannini ; e dei rappresentanti della Banca d’Italia (clicca sui nomi per ascoltare gli interventi).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Per saperne di più