Più di Apple, Amazon e Intel: Ibm al top nell’innovazione

© GettyImages

Per il 20esimo anno consecutivo l’azienda informatica si conferma ai vertici della classifica dei brevetti statunitensi. Nel 2012 ha chiuso con 6.478 certificati, davanti a Samsung, Canon, Sony e Panasonic

Un sistema che, attraverso l’elaborazione di dati satellitari, potrà prevedere la posizione degli ingorghi nel traffico; oppure un nuovo modo di gestire in modo più efficiente ed efficace le risorse di cloud computing, riducendo così il consumo energetico. Sono solo due dei 6.478 brevetti registrati nel 2012 da Ibm, che hanno permesso all’azienda informatica di aggiudicarsi la medaglia d’oro dell’innovazione made in Usa. Grazie allo sforzo di oltre 8 mila ricercatori e tecnici – sparsi in 36 Paesi nel mondo – nell’ultimo anno Ibm è riuscita a ottenere più brevetti di Accenture, Amazon, Apple, Emc, Hp, Intel, Oracle/Sun e Symantec complessivamente.
Le innovazioni introdotte dall’azienda riguardano settori chiave come la business analytics, i Big Data, la cyber-sicurezza, il cloud computing, il mobile computing, il social networking e le infrastrutture “software-defined”. Alcuni brevetti sviluppati da Ibm
“Siamo orgogliosi di questo nuovo traguardo”, spiega Ginni Rometty, chairman e Ceo di Ibm. “Il nostro record di brevetti nel 2012 e i due decenni di leadership (in tutto 67 mila brevetti certificati, ndr) sono un importante riconoscimento alle migliaia di brillanti inventori Ibm e rappresentano l’esempio vivente della nostra dedizione a un’innovazione che conta, per i nostri clienti, per la nostra azienda e per il mondo intero”.

La top ten dei destinatari dei brevetti Usa* per il 2012 comprende:

1. Ibm 6.478
2. Samsung 5.081
3. Canon 3.174
4. Sony 3.032
5. Panasonic 2.769
6. Microsoft 2.613
7. Toshiba 2.446
8. Hon Hai 2.013
9. General Electric 1.652
10. Lg Electronics 1.624

Dati forniti da: IFI CLAIMS Patent Services

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Comments

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.