Peugeot-Opel: affare fatto. E se Marchionne...

© Getty Images

Psa compra le attività europee di General Motors: nasce il secondo gruppo europeo. La Merkel disse no a Fiat Chrysler, ma ora si aprono nuovi scenari per il settore

Peugeot compra Opel, adesso è ufficiale. General Motors ha detto sì all'offerta da 1,3 miliardi di euro del gruppo automobilistico francese PSA (Peugeot Citroen) per la casa automobilistica tedesca: nasce così il secondo costruttore auto in Europa alle spalle di Wolkswagen con una quota di mercato del 17%. Il gruppo sfornerà 4,3 miliardi di veicoli all'anno e punta a ottenere 2 miliardi di utili grazie alle sinergie. «L'accordo», ha detto la numero uno di General Motors, Mary Barra, in conferenza stampa a Parigi, «è una vittoria per tutti gli azionisti, un successo di lungo termine. Insieme saremo più forti».

Quella degli utili è una grande scommessa, visto che in 16 anni Opel ha perso 15 miliardi di dollari (257 milioni l'anno scorso). Si pensa di tornare in attivo in tre anni, con un «margine operativo del 2% entro il 2020 e del 6% entro il 2026». Oltre all'acquisto di Opel e del marchio britannico Vauxhall, che spera far tornare in attivo entro il 2020, Psa prenderà anche la filiale finanziaria di Gm Europe per 900 milioni di euro in accordo con Bnp Paribas . «Siamo fiduciosi nella significativa accelerazione del risanamento di Opel/Vauxhall con il nostro sostegno, nel rispetto degli impegni assunti da Gm verso i dipendenti», dice in una nota il numero uno di Psa, Carlos Tavares, tornando a fornire tutte le garanzie ai lavoratori di Germania e Gran Bretagna.

Mastica amaro Sergio Marchionne , che per primo aveva messo gli occhi su Opel ma era stato respinto da Angela Merkel - sembra - per i rapporti non idilliaci tra i due. L'affare, però, potrebbe rivelarsi un'opportunità ghiotta per Fiat Chrysler. In un settore che ha fame di fusioni e sinergie, si potrebbe così riaprire il dialogo tra Fca e General Motors per quella fusione a lungo sognata dal manager italocanadese . Il risiko del settore auto è appena cominciato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.