Google Italia: basterà un clic per difendere la privacy

© Getty Images

L’accordo, raggiunto dopo un anno di lavoro con il Garante, è unico in Europa: ogni utente potrà decidere se inibire i dati personali

Il Garante della privacy italiana è riuscito a strappare un provvedimento prescrittivo senza precedenti in tutta Europa : da oggi in poi, Google non potrà utilizzare i dati degli utenti italiani a fini di profilazione, senza il loro consenso e sarà tenuto aesplicitare le eventuali attività commerciali svolte.

L’aspetto più innovativo è che il provvedimento specifica come bisognerà procedere in materia . Su Google dovrà apparire un banner dove si visualizzano le opzioni “sì” e “no”: cliccando su una di queste due scelte, l’utente sceglierà se acconsentire, o meno, al trattamento dei propri dati. Se l’opzione scelta sarà il “no”, allora Google dovrà, entro due mesi , cancellare dai sistemi attivi i dati personali dell’utente interessato e poi, nei seguenti sei mesi , anche dai propri archivi .

Quanto invece al sistema di informativa di Google , questo sarà strutturato su due livelli : il primo più generico , dove si presentano le informazioni più rilevanti per l'utenza (per esempio l'indicazione dei trattamenti e dei dati oggetto di trattamento), e un secondo livello più dettagliato , con le specifiche informative relative ai singoli servizi offerti.

Fin dalle informazioni di primo livello, però, Google dovrà spiegare che i dati personali degli utenti vengono usati anche fini di profilazione per pubblicità mirata e che vengono raccolti con tecniche ben più sofisticate dei i semplici cookie .Per adeguarsi al provvedimento, Google ha tempo 18 mesi.

Entro il 30 settembre , Google dovrà fornire al Garante della Privacy un protocollo di verifica nel quale verranno indicati i tempi e le modalità dei controlli e, se firmato, diventerà vincolante .

«Abbiamo collaborato costantemente con il Garante nel corso di questa vicenda per spiegare le nostre privacy policy e come ci consentono di creare servizi più semplici ed efficaci e continueremo a collaborare in futuro», fa sapere un portavoce di Google . «Analizzeremo il provvedimento del Garante attentamente per definire i prossimi passi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.