Rai, niente riforma per le news: lascia Carlo Verdelli

Il direttore dell’Offerta informativa della Tv pubblica ha rassegnato le dimissioni. Bocciato dal Cda il suo piano di riforma

Niente riforma per le news Rai: il direttore per l’Offerta informativa, Carlo Verdelli, ha rassegnato le sue dimissioni dopo la bocciatura da parte del consiglio di amministrazione del suo piano di riforma. «Una persona perbene non può che prendere atto che non gode più della fiducia dei vertici e rassegnare le sue dimissioni. Non ci può essere un direttore che non ha la fiducia del consiglio di amministrazione», ha dichiarato Verdelli all’Ansa.

Alcuni consiglieri, a margine della riunione (informale), avrebbero infatti parlato di un “accantonamento” del progetto, mentre il direttore generale Campo Dall’Orto avrebbe invece parlato di “rivisitazione”. A ogni modo, senza il sostegno dei vertici, Verdelli ha preferito lasciare l’incarico. «L’azienda ribadisce che la proposta di Piano per l’informazione redatta dal direttore Verdelli e dalla sua struttura resterà come una preziosa base da cui far proseguire il confronto necessario al varo del piano finale per l’Informazione su cui tutto il Consiglio di amministrazione e il direttore generale sono da mesi impegnati», si legge nella nota Rai in cui si prende atto della decisione del manager e lo si ringrazia per il lavoro svolto finora.

Lo schema di lavoro, secondo quanto riporta l’agenzia Ansa, dovrebbe comunque tornare in consiglio l’11 gennaio, per poi essere votato il 18 e in seguito presentato in Commissione di vigilanza. Nel nuovo piano dovrebbero essere inserita anche una stima sulla sostenibilità dei costi. Tra i punti maggiormente contestati della proposta di Verdelli figurano il trasferimento della redazione del Tg2 a Milano, la fusione tra TgR e RaiNews, e la formazione di una nuova struttura articolata in cinque macroregioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Comments

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.