Milano si prepara alla Games Week

Incontrare celebrità del settore, toccare con mano le novità che arriveranno nel corso dei prossimi mesi e rivivere alcuni dei titoli che hanno fatto la storia. Sono tre dei motivi che rendono la Milan Games Week  l’appuntamento più atteso dell’anno per appassionati e addetti ai lavori. Dopo sei edizioni negli spazi del MiCo, dall’edizione 2017 – in programma dal 29 settembre all’1 ottobre – la kermesse promossa da Aesvi (l’associazione di rappresentanza del settore) si sposta­ nella più moderna Fiera Milano Rho. Un cambiamento inevitabile per una fiera cresciuta di anno in anno e che attende almeno 150 mila visitatori da tutta Italia.

I numeri in continua crescita della Games Week testimoniano anche l’ottimo stato di salute del mercato italiano, il cui giro d’affari­ già lo scorso anno superava il miliardo di euro (in due anni è raddoppiata anche la produzione interna, passata da 20 a 40 milioni di euro). Più che positivo anche il bilancio dei primi mesi di quest’anno, spinto dall’arrivo della console Switch di Nintendo e del prossimo lancio di Xbox One X di Microsoft, che sarà presente alla Games Week. A giocare è più della metà degli italiani, suddivisi equamente tra uomini e donne. Oltre 25 milioni sono sopra i 14 anni, e non si parla solo di giovanissimi: 6 su 10 hanno tra i 25 e i 55 anni, mentre­ gli over 65 sono più numerosi degli adolescenti. Siamo di fronte a un mercato maturo, paragonabile a quello del cinema. Non a caso l’industria videoludica è stata fortemente sostenuta dalle istituzioni con l’approvazione della legge cinema a fine 2016, che ha esteso­ ai videogame i benefici fiscali per l’audiovisivo.­ Un provvedimento che porta l’Italia al livello di Paesi europei ­come Inghilterra e Francia, che hanno visto una notevole crescita del settore grazie anche alle rispettive leggi in materia di tax credit.