Pokémon Go mania, un’occasione per le aziende

È il fenomeno dell’estate che ha fatto impazzire letteralmente i fan di tutto il mondo. L’app è anche un’occasione per attrarre i clienti

Uno dei fenomeni dell’estate che va concludendosi, non c’è dubbio, è stato Pokémon Go , il gioco in realtà aumentata che spedisce il giocatore in giro per il mondo vero, nel quartiere dove abita o nel tragitto casa-lavoro, a caccia di mostriciattoli virtuali. Mezzo mondo è impazzito per questa app (disponibile per Apple e Android ), l’altra metà ha alzato il sopracciglio con un certo disgusto di fronte a una mania che ha visto folle impazzite a caccia di Pokémon a Central Park, gente fermarsi in autostrada per acchiapparne uno e la richiesta del Museo dell’Olocausto di Washington di rimuovere la propria sede dal gioco per evitare orde di ragazzini irrispettosi. Visto che l’app è gratuita , vi consigliamo di provarla perché mostra come la realtà aumentata può essere utilizzata in maniera intelligente.

Molte aziende hanno già iniziato a sfruttare il fenomeno : ci sono pub che hanno sganciato le esche virtuali (che “attirano” le creaturine) per attrarre clienti. Le palestre Virgin Active a Londra hanno organizzato la Pokémon Go 5K workout , una maratona in cui si corre e si cacciano Pikachu & Co. ( foto ). In Italia, a Roma, c’è già stato il primo il primo raduno Pokémon Millennium , con oltre mille cacciatori che si sono dati appuntamento all’ombra del Colosseo, mentre Algida ha offerto esche e wi-fi gratis per un pomeriggio al laghetto Eur e la catena di supermercati Carrefour ha “convocato” i suoi clienti in orari in cui seminava esche. Intanto, Nintendo festeggia: Simona Portigliotti , Senior Brand Manager di Nintendo Italia, ha dichiarato che «Pokémon Sole e Luna, in arrivo a novembre per console Nintendo 3DS, a ben 17 settimane dal lancio sono i titoli Pokémon più preordinati di sempre nel nostro Paese».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.