È successo: gli uomini si tagliano il compenso in favore delle colleghe

Un equo compenso tra uomini e donne? È possibile. Basta volerlo. Lo dimostra la scelta dei calciatori della nazionale di calcio norvegese, che dal 2018 si ridurranno i compensi per renderli uguali a quelli delle loro colleghe della nazionale femminile. Certo, non si sta parlando di cifre a sei zeri come quelli di Cristiano Ronaldo o Neymar e neppure dello stipendio vero e proprio che i calciatori ricevono dai club, ma si tratta comunque di un primo passo, più che simbolico, contro il gender gap.  
In pratica dal prossimo anno i compensi degli uomini della Nazionale norvegese scenderanno complessivamente a 639 mila euro (dagli attuali 697 mila), permettendo alle colleghe di incassare la stessa cifra, quasi il doppio rispetto agli attuali 330 mila euro.

“Questo può essere forse un piccolo sacrificio per voi, nei nostri confronti. Può darsi che non compaia neppure nelle vostre buste-paga mensili. E forse era per voi una mossa ovvia da fare!”, ha commentato su Instagram il capitano della Nazionale Caroline Graham Hansen, che ha aggiunto: “Tuttavia, per noi significa tutto! Per la nostra squadra! Per il nostro sport! E non ultimo, per tutte le atlete che fanno lo stesso lavoro, lo stesso sport degli uomini, ma vengono pagate di meno! Il fatto che diciate che una paga uguale sia la cosa giusta, mi fa desiderare di gridare e di abbracciarvi tutti. Grazie per aver fatto questo passo per noi. Per aver dimostrato equità ed averci aiutato tutte a inseguire i nostri sogni. A farli avverare”.