Incredibile ma vero: anche mr Ryanair ha un cuore (vicino al portafoglio)

Il Ceo di Ryanair, Michael O'Leary

Incredibile ma vero, anche Michael O’Leary ha un cuore. Anche se molto vicino al portafoglio. Così in piena crisi cancellazioni, il Ceo di Ryanair si scusa con una lettera inviata a 4.200 piloti per promettere salari più alti  e migliori condizioni di lavoro. Messaggio sottinteso: non abbandonateci. Anche perché altre compagnie come Alitalia vivono condizioni difficili e fioccano i fallimenti come nel caso di Monarch , benché a strappare i piloti alla compagnia irlandese sia soprattutto la concorrenza delle compagnie cinesi. 

Incredibile ma vero: O'Leary (Ryanair) alla fine si scusa

Come riporta il testo pubblicato da Irish Independent , O’Leary si scusa per i cambiamenti che hanno portato a disagi nel sistema di turni di riposo dei piloti. Le conseguenze? Duemila voli cancellati a settembre e altri 18 mila fino a febbraio, per un totale di 800 mila passeggeti lasciati a terra. Benché la colpa non sia di Ryanair, secondo la versione dell'azienda, ma delle nuove regole sul traffico aereo che l’hanno obbligata a concedere i giorni di riposo previsti entro dicembre anziché entro la fine dell’anno fiscale, in aprile del 2018.

Il vero motivo della carenza di personale sarebbe però nella fuga di piloti verso altre compagnie, in grado di offrire condizioni migliori. Per rispondere a simili tentazioni, O’Leary offre ai piloti stipendi più alti, turni di riposo più estesi, bonus e altri benefici, esortandoli a rimanere in una compagnia «dal brillante futuro». 

I problemi non finiscono qui, perché dopo i tanti disagi subiti il Belgio ha annunciato l'intenzione di fare causa all'azienda: «È vergognosa la quantità di voli cancellati da Ryanair», ha spiegato il vicepremier Kris Peeters. «Per questo ho chiesto un'azione inibitoria. Significa che la compagnia potrebbe dovere subire delle sanzioni se continuerà a mettere in atto queste pratiche».