La mafia è Capitale

Lo so, lo so, sulla questione di Mafia Capitale è stato già detto di tutto da tutti, ma consentitemi di dire anche la mia, perché è difficile, almeno per me impossibile, tacere o sorvolare su un malaffare che non è la causa, ma il sintomo di un problema più grave. L’incapacità di un Paese, di una società, di una comunità di isolare i delinquenti e i criminali. Anzi, ladri e assassini assurgono a uomini d’affari perché in fin dei conti chi è più furbo, da che l’Italia è l’Italia, ha avuto sempre la meglio. Ed è alienante verificare, attraverso le immagini sgranate delle telecamere e i dialoghi gracchianti intercettati sui telefonini, quasi fosse un enorme microscopio puntato su un’immane discarica subumana, come – per quanto rozzi e burini (nessuna sorpresa, ricordate l’aplomb di quel gentleman di Totò Riina?) – certi ceffi possano accaparrarsi gli appalti pubblici togliendo lavoro e risorse a chi, onesto, ne avrebbe diritto.

"

Se non si interviene presto e bene,
le cronache sono destinate a regalarci
tanti altri Buzzi e Carminati

"

La verità è che ormai l’Italia, dal Centro al Sud fino al Nord, è in mano alle mafie, da cosa nostra alla 'ndrangheta, dalla camorra alla sacra corona unita. D’altra parte siamo o no il Paese che ha inserito di recente nel computo del pil anche i profitti “sporchi” delle attività criminali? C’è chi sostiene che quella di Roma non sia mafia, ma si sbaglia: lo è a pieno titolo, la corruzione è di per se stessa, costituzionalmente, mafiosa. In quanto da sempre le organizzazioni criminali, con una mano danno (ai loro accoliti e alle loro famiglie nel caso finiscano in galera), e con l’altra tolgono: a tutti, in termini di attività lecite, quindi di lavoro sano che non si crea, di dignità e di speranza. I corrotti (e i corruttori) fanno altrettanto: danno a se stessi e ai loro sodali, togliendo a tutti gli altri. A Roma come all’Expo di Milano e al Mose di Venezia, solo per citare i casi più recenti che ci hanno trasformati – quasi se ne sentisse il bisogno – nello zimbello del mondo intero. In cosa sono migliori questi signori in giacca e cravatta da un Bernardo Provenzano qualunque che ha trascinato la sua trentennale latitanza per casolari e cunicoli diroccati? Certo, i palermitani mettevano le bombe per far saltare in aria i magistrati, ma siamo sicuri che chi specula sul bene comune, inquinando i servizi pubblici essenziali, chi (e sono migliaia) toglie prospettive a un intero Paese a suon di mazzette, sia meno colpevole? Falcone è morto per avere intuito che per colpire cosa nostra bisognava toccare il denaro dei clan. Anche Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità Nazionale anticorruzione, non a caso con una lunga esperienza nell’antimafia, si è detto convinto che per combattere la corruzione bisogna adottare gli stessi provvedimenti che sono serviti a minare le fondamenta della criminalità organizzata, colpendone le attività economiche e i traffici. Ed è anche un segnale positivo (ebbene sì, a volte arrivano…) che Confindustria abbia annunciato che si costituirà parte civile nel processo agli imputati di Mafia Capitale, non tanto e non solo per una – per quanto legittima e lodevole – questione etica, ma perché se il nostro Paese riuscisse a ridurre la corruzione al livello della Spagna, il pil aumenterebbe di colpo dello 0,6%: se con Mani pulite l’Italia l’avesse ridotta al livello della Francia (-1 punto), il pil sarebbe stato nel 2014 di quasi 300 miliardi in più (circa 5 mila euro a persona).

Insomma, la legalità conviene, mentre la corruzione eletta a sistema (mafioso) ha compromesso il nostro presente, e sta fottendo il futuro dei nostri figli, alimentata dal torbido delle burocrazie, dalla lentezza del sistema giudiziario e dall’incertezza delle pene nonché dall’abnorme inadeguatezza della politica e dei politici. Credetemi, se non si mette mano – presto e bene – a tutto questo, le cronache sono destinate a regalarci nei prossimi mesi tanti altri emuli di Buzzi e Carminati.

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

L'editoriale

Il punto di vista del direttore di Business People, Vito Sinopoli

Archivio