La rincorsa di Emma

Non si capisce dove stia andando Confindustria. Ammesso che si stia muovendo. La vicenda dei contratti aziendali negli stabilimenti Fiat di Pomigliano e Mirafiori (e, in futuro, di Cassino e Melfi) ha fatto emergere che i “nemici” peggiori Confindustria li ha dentro di sé. Chi contesta Emma Marcegaglia, presidente dell’organizzazione degli imprenditori, non sono i “duri” della Cgil, ma i “duri” degli industriali. Sono loro che le rinfacciano di non tenere il ritmo che Sergio Marchionne sta imponendo alla Fiat e all’Italia. Sono gli imprenditori che criticano Emma Marcegaglia per non essere capace di innovare il sistema delle relazioni sindacali a una velocità che la crisi e la competizione impone. Lo ha fatto Marchionne, dimostrando, così, che “il re è nudo”, cioè che un’organizzazione sindacale degli imprenditori che non capisce dove sta andando il mondo è dannosa almeno quanto un sindacato che non capisce cosa serve a un’impresa. Così in certi momenti Emma Marcegaglia e, il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso sono sembrate dalle stessa parte “contro” Marchionne. È logico: l’ad della Fiat ha spiazzato entrambe, le ha costrette ad allearsi, come i più retrivi conservatori han sempre fatto. Uno dei tanti meriti (ma anche i demeriti non mancano) di Marchionne è stato quello di far venire a galla chi vuole il cambiamento e chi no. E, in particolare, chi vuole discutere un accordo sulla rappresentanza sindacale che imponga a chi firma un contratto di rispettarlo da cima a fondo e chi pensa che un contratto è un altro modo per mantenere lo status quo. Tra chi vuole che chi non si impegna nella firma di un accordo resti escluso dalla rappresentanza e chi, in nome della democrazia, vuole che tutti siano rappresentati senza prendersi nessun impegno. Confindustria è rimasta indietro. La proposta del presidente di Federmeccanica di permettere che il contratto aziendale sia “sostitutivo” di quello nazionale non poteva che ottenere un “no” da parte di Cgil, Cisl e Uil. Quella proposta è riuscita nel capolavoro strategico di far rientrare in gioco la Fiom, che dal gioco si era autoesclusa. Complimenti.

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

L'editoriale

Il punto di vista del direttore di Business People , Vito Sinopoli

Archivio