Noi, Ulisse in azienda

È opinione comune ormai che il Jobs Act non abbia funzionato a dovere. Eppure, lo avrebbe fatto se nel frattempo i consumi fossero ripresi e l’export avesse continuato a crescere a ritmi sostenuti spingendo le filiere della produzione a intensificare le attività. E invece… Invece, ci troviamo con aziende costrette a tagliare contratti di lavoro ancora in erba , perché l’economia non ha preso la piega che si sperava, stressata da turbolenze interne e da squilibri internazionali, dalle guerre al terrorismo. Quindi, come si dice in quel di Roma, siamo da capo a 12, ovvero al punto di partenza. O giù di lì. Sembra la dannazione di Sisifo quella di imprenditori e manager : dover ricominciare spesso, troppo spesso, tutto daccapo. Anche se, probabilmente, volendo proprio scomodare un mito, sarebbe meglio citare l’Ulisse omerico: idealmente sempre indirizzato alla volta dell’agognata Itaca, ma ogni volta costretto, per un verso o per l’altro, ad affrontare prove perigliose e a navigare a vista. Che è quanto sono costretti a fare, volenti o nolenti, da otto anni a questa parte i capi azienda, e insieme a loro i dirigenti. Il perché è presto detto: nulla è come si pensava sarebbe stato . Un esempio, tanto per buttarla in politica? Di centinaia, credo siano intorno ai 150, di provvedimenti che riguardano direttamente e indirettamente le attività delle imprese espressi dal governo Letta (finanche Monti credo) e Renzi mancano ancora i decreti attuativi. Per la serie: la legge c’è, ma non si vede.

"

Confessiamocelo

una volta per tutte:

per tante imprese

ormai fare strategia

e pianificazione

equivale a una chimera

"

Come comportarsi allora? Che fare? Rischiare o stare tranquilli fino a quando tutto sarà chiarito? Solo che nel frattempo le attività languono, i clienti diventano più prudenti e tu perdi lo slancio per uscire dall’impasse. Dopo di che, mi vien da ripetere il solito refrain, è il cane che si morde la coda: se poco o niente di diverso accade, la situazione difficilmente potrà cambiare. E l’amata Itaca – che nel nostro caso si può rappresentare ora con un timido pareggio di bilancio piuttosto che con gli utili, e la possibilità di fare investimenti per poter competere – si allontana.

Confessiamocelo una volta per tutte: per tante imprese ormai fare strategia e pianificazione equivale a una chimera . Hai voglia a stilare piani industriali e a fissare obiettivi e il modo per raggiungerli, se poi in fase di realizzazione le condizioni in cui pensavi di operare mutano, perché i tuoi stessi clienti così come i fornitori sono costretti a cambiare a loro volta i termini della collaborazione con la tua azienda. E certamente mi si obietterà che un buon piano per essere tale dovrebbe anche essere flessibile, ma converrete che esiste una soglia di flessibilità oltre cui non si può andare. A meno che non si cambi l’intero piano. Che è quanto sta accadendo in molte realtà economiche. Insomma, c’è di che perdere la testa, e personalmente mi stupisco spesso di come il tessuto imprenditoriale e manageriale del nostro Paese, a parte i drammatici casi iniziali che hanno visto la disperazione di alcuni sfociare in gesti estremi, abbia invece sostanzialmente retto. Lo so, navigare a vista è pericoloso, ma rimanere fermi lo è ancora di più . Così com’è inutile continuare a pensare cosa sarebbe accaduto di buono se qualcun altro – esterno all’azienda – avesse agito diversamente. Per questo occorre una nave solida e un equipaggio che agisca all’unisono col timoniere, sapendo che quest’ultimo ha come obiettivo primario l’integrità della nave e dei suoi uomini. Solo in questo modo, navigare a vista continuerà certamente a essere rischioso, ma tornerà – presto o tardi – anche utile.

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

L'editoriale

Il punto di vista del direttore di Business People , Vito Sinopoli

Archivio