Può un Paese correre su una sola gamba?

Cè chi dice che il governo di Matteo Renzi sarà ricordato dai posteri per la sua forza riformatrice che non riforma. I tentativi in effetti sono stati, sono e – se l’esecutivo dovesse durare fino al 2018 come il premier si affanna a ripetere – saranno tanti. Anche se all’interno e fuori del Parlamento ci sono state, ci sono e ci saranno forze disposte a tutto (compreso il tafazzismo) pur di nuocere alla traballante maggioranza. Sia quel che sia, col senno di poi, se potessi scegliere oggi una sola cosa che andava fatta in assoluto e per prima di ogni altra per rimettere in carreggiata questo vituperato Paese, è – a mio modestissimo parere – senz’ombra di dubbio alcuno, la riforma fiscale di cui non si è visto un cenno, un moto, un’aspirazione che andasse nella direzione di imporre ora e per sempre un livello di tassazione finalmente equo e giusto.

"

I numeri indicano
che in Italia c’è un’ampia
area di parassitismo diffuso
che non viene avversato
in alcun modo

"

Eppure, quello del procacciamento delle risorse è in assoluto “il” problema dei problemi, e i numeri indicano che in Italia c’è un’ampia area di parassitismo diffuso che non viene avversato in alcun modo. È quanto si evince dal bilancio del sistema previdenziale italiano stilato da Itinerari previdenziali, il quale indica come macro-dato che solo metà degli italiani (31 milioni) paga almeno un euro di tasse all’anno, mentre il resto vivrebbe – grosso modo – a sbafo. Ma vi rendete conto di che voragine stiamo parlando? È come se pretendessimo di correre su una gamba sola…
Sapete cosa dice inoltre il corposo rapporto prodotto dal comitato tecnico scientifico? Che il quadro contabile è in notevole peggioramento, visto che solo il 4% dei contribuenti paga il 32,6% dell’Irpef, mentre ben 10 milioni di italiani versano una media di 55 euro all’anno (!). E che le gestioni che concorrono maggiormente alla formazione del deficit sono quella dei dipendenti pubblici (23,76 milioni di disavanzo), quella degli ex Ferrovie dello Stato (4,150 milioni) e dei lavoratori agricoli autonomi (6 milioni) nonché degli artigiani (3,2 milioni).
Il tutto mentre, come hanno fatto notare Alberto Brambilla e Paolo Novati, componenti del suddetto comitato, sul Corriere della Sera, nel nostro Paese sussiste una ricchezza diffusa (dalle case di proprietà passando per il numero di cellulari e di auto pro capite) che è doppia rispetto agli standard tedeschi. Come dire? Famiglie ricche, Stato povero. O meglio, una fascia di famiglie “molto” ricche (a insaputa del fisco, ovviamente) a fronte di un’ampia platea di famiglie più povere, anche perché si sobbarcano le tasse che dovrebbero invece essere pagate dai più fortunati. E lo Stato? Non fa quanto dovrebbe: far pagare il giusto fino all’ultimo euro a tutti. E ho il timore che ormai Renzi non abbia più tempo sufficiente prima del definitivo game over.

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

L'editoriale

Il punto di vista del direttore di Business People , Vito Sinopoli

Archivio