I dirigenti e il loro contratto: un valore per la crescita del Paese

Negli ultimi 15-20 anni il rapporto tra manager e aziende è profondamente mutato, è diventato sempre più improntato alla flessibilità, alla progettualità, alla limitatezza nel tempo dell’apporto manageriale. Questo modello, che ha comunque aiutato le aziende a essere più pronte a recepire il processo di modernizzazione del mercato, è stato sostenuto dai sindacati dei manager che hanno costruito un contratto dirigenti sempre più attento alla flessibilità, pur nella garanzia di adeguate tutele, e un modello di welfare contrattuale più corrispondente a un percorso di carriere fatto di stop and go, di entrata e uscita in aziende diverse.

© GettyImages

Una tutela non del posto di lavoro, ma della professionalità del manager (che oggi pare incontrare i favori delle menti più moderne e illuminate in contrapposizione alla rigidità dell’art. 18) e un welfare lungimirante, che si basa sull’esistenza di Fondi contrattuali di previdenza e sanità integrative evoluti nel tempo (oggi presi ad esempio da tanti contratti degli altri dipendenti) e di una Business School per la formazione manageriale, che è stata una risorsa preziosa per le imprese e il loro management. A questo si è aggiunto anche un moderno sistema di workfare per sostenere quel 15-20% di turnover annuo, molto più elevato degli altri lavoratori dipendenti, che i manager hanno per dna, ma anche per mettere meglio a disposizione del sistema elevate professionalità altrimenti sprecate. Tutto a fronte di uno Stato che arretra sempre di più sul piano del welfare.
La categoria si è quindi fatta carico di questi bisogni e costi, che altrimenti si sarebbero riversati sulla collettività o sulla singola azienda. Un modello avanzato che ha in sé tante delle caratteristiche necessarie nell’attuale riforma del lavoro. Un contratto che a livello manageriale fa scuola anche in Europa, dove la contrattazione, che si svolge quasi esclusivamente a livello individuale, prevede pacchetti sanitari, previdenziali, copertura rischi vari integrativi del tutto simili e il costo che pagano le aziende è sicuramente più alto di quello che sopportano le nostre imprese. Infatti, il sistema contrattuale dei manager italiani comporta risparmi per le aziende, permette di premiare il merito e di attrarre le risorse migliori, con ampio spazio per retribuzione legata a responsabilità e risultati (c’è un minimo contrattuale di 50 mila euro lordi annui) e aspetti non monetari ancor più premianti! Anche in un contesto economico di piccole e micro imprese, non ci sono scuse di costo, quindi, per non utilizzare i manager per assicurare performance più elevate rispetto alla semplice e troppo spesso unica conduzione di tipo familiare. I dirigenti nel settore privato in Italia sono ancora troppo pochi (lo 0,9% dei lavoratori dipendenti, contro il 3% di Francia e Germania e il 6% di Uk, dati Eurostat) e ormai da più parti non ci sono dubbi sul fatto che le Pmi italiane abbiano tanto bisogno di maggiore presenza, competenza e cultura manageriale per competere.
Non è quindi sul rapporto giuridico intercorrente tra dirigenti e aziende o sul costo che dobbiamo focalizzare l’attenzione, ma piuttosto sul ruolo attivo che il manager può esercitare nella crescita di una micro-impresa, specie sul piano dimensionale, ruolo che deve essere ancor più incentivato con un sistema premiante, quando dà valore aggiunto all’azienda.

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Progetto manager

Guido Carella è presidente di Manageritalia, la federazione nazionale dei dirigenti, quadri e professional di commercio, trasporti, turismo, servizi e terziario avanzato. L’associazione rappresenta in tutto il Paese circa 35.500 professionisti

Archivio