La vera task force anticorruzione siano società e business community

Matteo Renzi © GettyImages

Solo con un forte contrasto della comunità economica e della società potremo sconfiggere per sempre corruzione e malcostume. Un danno sociale ed economico enorme, che paghiamo in termini di competitività, crescita e occupazione. Bene, quindi, la creazione di una task force anticorruzione proposta recentemente dal premier Renzi per l’Expo 2015. Ma per sconfiggere corruzione e malcostume imperanti, la vera task force devono essere, in pianta stabile e in ogni dove, la business community e la società, che devono emarginare chi assume tali comportamenti e creare un ecosistema che non li ammette e premia solo chi agisce secondo legalità. Dobbiamo essere tutti noi e il nostro Sistema Paese.

"

TUTTI, IN PRIMIS PARTITI E POLITICA, EMARGINIAMO CHIUNQUE AGISCA FUORI DALLA LEGALITÀ

"

La corruzione è infatti un danno enorme in termini economici − distorce la concorrenza e premia i meno efficienti ed efficaci − e di immagine. All’estero siamo visti come un Paese corrotto, come purtroppo ben noto e come confermano i manager italiani che ci vivono e lavorano che – in una recentissima indagine di AstraRicerche per Manageritalia e Kilpatrick – dichiarano a larga maggioranza (66,4%) e senza mezzi termini che l’Italia è etichettata in questo modo.

Dobbiamo, quindi, cambiare registro subito. Smettiamola, in primo luogo, di definire manager personaggi equivoci e capaci solo di trafficare nel torbido. Smettiamola di tollerare che questi personaggi, pur condannanti, siano poi sempre lì nei posti che contano.

Mettiamo, invece, in quei posti manager e professionisti veri, scelti per competenza e valutati sui risultati. E tutti, in primis i partiti e la politica, emarginiamo chi, politico, professionista, imprenditore ecc., agisce fuori dalla legalità. In questo modo, creeremo i presupposti perché la legalità sia costume e prassi, e perché chi viene in contatto con il malaffare possa davvero denunciarlo senza essere certo di essere lui emarginato professionalmente, quando non minacciato rischiando l’incolumità sua e dei suoi cari. Solo così potremmo chiedere e imporre a ogni professionista, della politica, delle istituzioni, dell’economia e della società, di agire secondo legalità, pena la sua rapida e certa emarginazione. Da qui possiamo e dobbiamo ripartire per competere davvero e con i nostri migliori uomini, aziende, organizzazioni e istituzioni. Quelli che prevalgono, vincono gli appalti e le “gare” economiche alle quali ogni giorno tutti noi, aziende, lavoratori ecc., partecipiamo sul mercato globale senza doping, ma solo per capacità e bravura. Solo così si può veramente cambiare registro e crescere a livello sociale ed economico.

Per saperne di più
Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Progetto manager

Guido Carella è presidente di Manageritalia, la federazione nazionale dei dirigenti, quadri e professional di commercio, trasporti, turismo, servizi e terziario avanzato. L’associazione rappresenta in tutto il Paese circa 35.500 professionisti

Archivio