Liberalizzazioni: yes we must!

Dopo la manovra Salva Italia, è ora in fase di definizione quella detta Cresci Italia, che ha il suo cavallo di battaglia nelle liberalizzazioni di una serie di settori e professioni. Una manovra che sta incontrando forte opposizione tra i taxisti, ma anche tra farmacisti, distributori di carburanti, notai, edicolanti e nei prossimi mesi dovrebbe riguardare anche banche, assicurazioni, servizi pubblici locali, servizi postali, energia.
Sia chiaro, liberalizzare non è positivo in sé e per sé, ma soprattutto non vuole e non può voler dire arrivare a una deregulation selvaggia e priva di regole. In generale, deve portare ad aumentare la concorrenza a vantaggio dei consumatori e degli operatori più capaci che potrebbero trovare slancio e nuova linfa in un equilibrio più concorrenziale. Deve creare più spazio per i giovani, per chi ha competenze e capacità da mettere in campo in un vero regime di libera concorrenza e un indubbio risparmio per i cittadini e consumatori, che l’Adiconsum stima, a fronte delle liberalizzazioni proposte dal governo Monti, in circa 1.000 euro annui medi a famiglia. È un viatico indispensabile per avere un Paese più moderno e capace di dare opportunità a chi le merita veramente e far sì che ogni settore e operatore metta in campo il meglio di sé per concorrere alla crescita. Insomma, un modo anche questo per ripartire dal merito e andare verso un reale sviluppo a vantaggio di tutti. Alla fine dei conti siamo tutti consumatori e clienti di qualcosa, ma quando ci toccano nel nostro particolare siamo soliti reagire e contrastare ogni innovazione che tocchi lo status quo nel quale ci troviamo, senza valutare a fondo se a noi, come lavoratori, possa portare anche vantaggi. La liberalizzazione è d’altronde in atto da anni anche nel mondo del lavoro dipendente e già oggi, pur permanendo ancora parecchie regole e norme del passato, di fatto abbiamo un lavoro che cambia più volte nell’arco del ciclo di vita degli individui per professionalità, azienda, tipo di contratto ecc. Un lavoro a fronte del quale alcune vecchie tutele non hanno più senso e anzi rischiano di lasciare i singoli nella falsa illusione di avere un posto sicuro che prima o poi viene invece inesorabilmente smentita dai fatti, senza che siano preparati a gestirli. Un lavoro che anche qui si deve basare sempre più sul merito. Certo, dobbiamo accompagnare il cambiamento supportando le persone con incentivi, strumenti e programmi volti ad aiutare e spingere al cambiamento. Ma il mutamento è indispensabile per gli individui e la collettività.
Giorni fa ho preso un taxi a Roma e parlavo con il taxista dei cambiamenti che potrebbero interessarlo evidenziando gli aspetti positivi e il modo per cavalcare il cambiamento. Gli dicevo che, ragionando secondo risultati e merito, potrebbe cercare di personalizzare i suoi servizi e io, contento per questo, darei il suo nome e numero ad altri miei colleghi e conoscenti! E che, in un’ottica di filiera, potrebbe offrire ai suoi clienti abituali anche di accompagnare, in caso di necessità, figli minorenni e anziani, e, accordandosi con alcuni marchi della distribuzione e/o dettaglianti, di ritirare la spesa ecc. O anche che, ragionando in una prospettiva di rete, potrebbe coinvolgere pure alcuni suoi colleghi, garantendo così massima disponibilità del servizio e delle esigenze dei clienti, con le naturali necessità della sua vita privata, con economie di scala e prezzi concorrenziali. Alla fine dei conti, l’ingresso della moderna distribuzione in Italia ha sicuramente portato vantaggi per tutti noi, ha anche spinto tanti commercianti a a trovare nuove modalità per avere un’unicità che garantisse loro un mercato, seppure di nicchia, e diversi oggi hanno un business più competitivo di quello di prima. Certo, molti hanno anche chiuso, hanno sofferto e dovuto cambiare lavoro e vita.
Siamo tutti cittadini, consumatori e lavoratori, dipendenti, autonomi o imprenditori, poco importa. Dobbiamo cercare di trarre i massimi vantaggi da un mercato più concorrenziale dove prevalga chi veramente merita. Ma occorre farlo aiutando chi sopravvive e chi no, a gestire al meglio il futuro. Un futuro che, se ragioniamo in termini di concorrenza e merito, non può che giovare a tutti noi.

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Progetto manager

Guido Carella è presidente di Manageritalia, la federazione nazionale dei dirigenti, quadri e professional di commercio, trasporti, turismo, servizi e terziario avanzato. L’associazione rappresenta in tutto il Paese circa 35.500 professionisti

Archivio