Meritiamoci un'Italia migliore

L’Italia può e deve farcela, ma dobbiamo cambiare registro tutti e puntare sul merito e sui migliori. Questo è l’unico modo per risollevare il Paese e aiutare veramente i più deboli. Non si può pensare di risolvere tutto redistribuendo il poco che c’è a favore di chi sta peggio, perché così facendo tra un po’ ci sarà ben poco da redistribuire.

© IStockPhoto.com/Cristian Baitg

Noi manager, come tanti italiani, siamo stanchi di aspettare; diciamo basta allo scempio del Paese e vogliamo riprenderci l’Italia. La legge di Stabilità non va perché chiede nuove tasse, non taglia la spesa pubblica, non combatte evasione e corruzione, non ci fa crescere. Questa politica non serve, perché litigiosa, inconcludente e incurante dell’interesse generale, non sa creare le condizioni per cambiare, innovare e far ripartire il Paese. Questa mentalità non aiuta perché incentrata su pessimismo e declino, non sfrutta le potenzialità che abbiamo per risanarci e rilanciarci sul piano politico, economico e sociale.

Dobbiamo cambiare tanto e tutti. Chiedere alla politica non le risposte, ma la cornice che permetta a ognuno di noi di cercare e trovare la sua risposta. Pretendere una politica meno invasiva, che renda conto di quello che fa e si faccia giudicare su obiettivi e risultati raggiunti. Ripartire da uno Stato più leggero che ridisegni il suo ruolo. Rispettare e valorizzare chi ha sempre fatto il suo dovere lavorando e pagando le tasse e oggi, pensionato, prende solo quello che gli spetta. Superare il capitalismo di relazione e spartizione per una concorrenza vera, libera, sana e solidale, perché capace di far crescere l’intero sistema.

Dobbiamo soprattutto valorizzare chi merita, guadagna e agisce nella legalità perché è un talento da trattenere, motivare e far fruttare e non un cittadino da tartassare, colpevolizzare e allontanare. Nonostante tutto abbiamo anche un’Italia che funziona, che vede in prima fila quelle aziende che, grazie a imprenditori lungimiranti che negli ultimi anni hanno dato sempre più spazio a validi manager, competono, vincono e creano valore aggiunto e ricchezza per tutti. Un’Italia figlia del merito, del valore e del talento di tanti bravi manager che, insieme a imprenditori e altre figure qualificate, possono guidare il Paese verso un futuro di crescita e ricchezza e non di pauperismo e sofferenze.

A riprova che dobbiamo puntare sui più meritevoli per stare meglio tutti, una ricerca del 2008 di Fondazione Rodolfo Debenedetti e London School of Economics dimostra che i manager “eccellenti”, quelli scelti per merito e valutati sui risultati, migliorano la capacità dell’azienda di aumentare le vendite (+14% nell’arco di tre anni rispetto alla media delle aziende considerate), l’occupazione (+24%) e il ritorno sul capitale impiegato (Roce +14%). Emerge anche che guadagnano di più, ma meritandolo con le loro performance, che vanno a favore di tutti. Questi sono i manager veri che servono all’Italia, quelli, e ce ne sono tanti, che fanno funzionare le aziende, non quelli che sono solo amici degli amici, fedeli alla proprietà e/o voluti dalla politica.

Perché se, come dice Enrico Moretti nel libro La nuova geografia del lavoro, «ogni nuovo posto di lavoro ad alto contenuto tecnologico o qualificato che si crea in un territorio produce altri cinque posti» è su questi lavoratori e su quest’economia che dobbiamo puntare. Questo deve essere il futuro della nostra politica economica, delle nostre aziende e dei nostri lavoratori. Per crescere dobbiamo giocare all’attacco, non di certo in difesa e punendo chi ha legittimamente di più. Anzi, è proprio puntando su chi ha più talento e capacità che dobbiamo guardare al futuro. Perché il futuro sia migliore per tutti.

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Progetto manager

Guido Carella è presidente di Manageritalia, la federazione nazionale dei dirigenti, quadri e professional di commercio, trasporti, turismo, servizi e terziario avanzato. L’associazione rappresenta in tutto il Paese circa 35.500 professionisti

Archivio