Perequazione ed evasione, dal diritto al merito

Manageritalia e Federmanager hanno sostenuto la causa di quel pensionato – nostro associato ed ex dirigente Standa che prende 1.600 euro netti al mese – che ha ottenuto ragione dalla Corte Costituzionale sull’illegittimità del blocco della perequazione. Siamo contenti, perché abbiamo difeso 5 milioni di pensionati, tutti quelli che percepiscono più di 1.400 euro lordi al mese, il diritto e lo Stato, lo Stato di diritto e tutti gli italiani che credono che le leggi e i patti tra cittadini e istituzioni vadano rispettati.

Busta-soldi © AndreyPopov/iStock/ThinkStock

Si dice che non ci sono soldi, dobbiamo fare sacrifici, i giovani avranno meno e via dicendo. Ne siamo consci, ma non possiamo sempre e solo “punire” chi ha redditi medio-alti , pensionati o lavoratori che siano. La Costituzione prevede universalità dell’imposizione fiscale e uguaglianza dei contribuenti. Siamo sicuri che quelli che in Italia dichiarano una pensione e un reddito sopra i 50-100 mila euro lordi l’anno siano “ricchi” e, soprattutto, siano gli unici a guadagnare quelle cifre? No, siamo sicuri che ci siano tanti altri che guadagnavano e guadagnano quello e molto di più senza dichiararlo, evadendo tasse, contributi previdenziali e il loro dovere di cittadini. Vogliamo dare una mano a chi ha davvero bisogno , ai pensionati e a quelli che realmente prendono e hanno poco o nulla? Chi prende e dichiara certi redditi da sempre partecipa in modo proporzionale alle imposte che servono allo Stato per funzionare e da tempo questa proporzione è diventata esponenziale, proprio e solo per loro. Abbiamo fatto e faremo ancora il nostro dovere , ma prima c’è altro da cui attingere. Perché continuare a colpire sempre i “soliti noti”, rendendo insostenibile oggi in Italia guadagnare un reddito più che decente e meritato? Perché non colpiamo evasione, corruzione e spesa pubblica improduttiva?

"

SERVE CAMBIARE REGISTRO,
NON MODIFICARE REGOLE
A PIACERE E SENZA
COERENZA CON IL DIRITTO

"

La spesa è fatta di pensioni, che pesano per il 28%, ma non solo di quello. C’è tanto altro di improduttivo, prima di continuare a chiedere sacrifici a chi ha versato contributi e tasse e oggi ha una pensione dignitosa. C‘è chi evade, facendosi beffa di chi lavora , di tutti noi e dello Stato, che poi siamo noi. Chi corrompe o si fa corrompere, lo Stato che non taglia spesa improduttiva, sprechi e privilegi. Vogliamo perseverare nel bistrattare e demonizzare chi guadagna con merito e contribuisce professionalmente a sostenere l’economia e le entrate dello Stato? Vogliamo consolidare l’idea che in Italia non c’è alcuna certezza del diritto e delle leggi, che a ogni piè sospinto tutto può cambiare e le regole non valgono, se non per l’impunità di chi le infrange sempre e comunque? Già le aziende estere non investono da noi perché tutto cambia continuamente e in modo retroattivo. Vogliamo rompere per sempre il patto tra Stato e cittadini sulla certezza della pensione, anche e soprattutto per chi oggi ancora lavora, e sul dovere (qualcuno direbbe “piacere”) di pagare le tasse e i contributi senza passare per fesso?
Se non vogliamo che la fuga dei “cervelli”, giovani o meno, di quelli che più meritano e più possono dare al Paese, a fronte di retribuzioni decorose e meritate e non “criminalizzate”, diventi prassi dobbiamo cambiare registro. Non cambiare le regole a piacere senza alcuna logica e coerenza con il diritto, senza mai rottamare evasione, corruzione e spesa pubblica. Quindi, lo Stato faccia il suo dovere, amministri e regoli la vita in modo equo e solidale. Ma ridiamo spazio, diritto e valore a chi merita e questo merito lo mette al servizio suo e di tutti. Solo su queste basi il Paese può ritornare a crescere e i giovani a lavorare , secondo regole certe, per costruire il loro e il nostro futuro. Sapendo di poter crescere davvero e salire su un ascensore sociale cha funziona, non è truccato e premia il merito.

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Progetto manager

Guido Carella è presidente di Manageritalia, la federazione nazionale dei dirigenti, quadri e professional di commercio, trasporti, turismo, servizi e terziario avanzato. L’associazione rappresenta in tutto il Paese circa 35.500 professionisti

Archivio