Ricominciamo dal nostro territorio

In vista delle elezioni, ma soprattutto per una definitiva ripresa e rilancio del nostro Paese e della crescita economica e sociale, si parla ancora poco di programmi e soprattutto di cose concrete da fare. I manager hanno predisposto da tempo e affinato recentemente un programma per il Paese, e tra i punti salienti c’è la necessità di un forte investimento nella filiera dell’italianità: turismocultura- ambiente-benessere-agroindustria-green economy. Decisiva anche per colmare il divario Nord-Sud.

Pompei © GettyImages

Pompei

Certo, l’idea non è nuova, da troppo tempo in Italia se ne parla come di una soluzione di tutti i mali. Ma poi poco o nulla si è fatto. Anzi, in tanti di questi aspetti siamo in forte peggioramento, basti pensare all’abbandono e al degrado del nostro patrimonio, che trova esemplificazione in Pompei (i cui lavori di restauro sono appena iniziati, ndr). Ma quel patrimonio può e deve essere il fattore determinante per un rilancio del turismo e con esso del made in Italy, inteso come possibilità di esportare tutti quei prodotti e servizi a esso strettamente collegati e agli altri che possono trarne vantaggio anche in ambito manifatturiero e dei servizi. Ma le cause di questa incapacità di sfruttare un patrimonio e vantaggio competitivo inimitabile sono insite in alcuni dei gap del Paese: incapacità di sfruttare le risorse potenziali, i finanziamenti europei, ma anche quelli pubblici e privati che ci sono e che dovrebbero essere resi più efficienti e efficaci; mancata collaborazione e sinergia tra pubblico e privato nella progettazione e programmazione, nell’investimento e nella gestione dei patrimoni e business sottesi; insufficiente presenza e attenzione a quei fattori decisivi nella moderna società della conoscenza, come la cultura manageriale, la cultura d’impresa, i processi gestionali, le policy, i modelli organizzativi, i sistemi informativi, e infine le strategie e modelli di leadership.
Investire, ovvero puntare in modo globale su questa filiera, è il modo migliore per rafforzare il potenziale del nostro turismo, della nostra economia e del nostro Paese. È però necessario che in tutti questi settori e ambiti si crei, pur in una logica di libero mercato, un maggiore e migliore governo delle logiche di crescita e sviluppo degli stessi, mettendo a fattor comune la mano pubblica e quella privata. Che in ogni dove, ma soprattutto nel turismo, i tanti centri decisionali operino in modo coordinato e sinergico, che si trovino modalità capaci di creare la necessaria massa critica per affrontare con successo la competizione sui mercati globali. Che presenza, competenza e gestione manageriale diventino il fattore scatenante di un nuovo corso che valorizzi e metta a sistema gli indubbi pregi imprenditoriali e naturali che abbiamo.
Per esempio, pensiamo che il nostro sistema agroalimentare (secondo il Monitor dei distretti di Intesa Sanpaolo) ha fatto segnare un aumento dell’export del 7,5% nel trimestre luglio-settembre 2012, rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente. Il cibo italiano sembra poter ripercorrere i successi della moda. Ne avrebbe ben d’onde e sarebbe un ulteriore tassello per vendere l’Italia e i suoi valori e prodotti creando con il turismo un sinergico processo di cross selling. La permanenza di turisti stranieri nel nostro Paese favorirebbe il consumo e la promozione del nostro cibo e del nostro territorio nei mercati di provenienze.
Per fare questo ci vuole un Paese privo di corruzione e malgoverno, che remi in un’unica direzione, che faccia squadra sempre e comunque, dalla politica alla piccola impresa. Ma tutto questo non basta e non funziona se non ci diamo un’organizzazione e una gestione manageriale in linea con l’economia e la società della conoscenza.

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Progetto manager

Guido Carella è presidente di Manageritalia, la federazione nazionale dei dirigenti, quadri e professional di commercio, trasporti, turismo, servizi e terziario avanzato. L’associazione rappresenta in tutto il Paese circa 35.500 professionisti

Archivio

Blog più letti