Start up, non lasciamole sole

Se provate a cercare start up su Google, la pesca è abbondante e disorientante. Con questo termine s’identifica la fase d’avvio di una nuova impresa. Inizialmente veniva usato unicamente per realtà legate a Internet o alle tecnologie dell’informazione, poi è diventato sinonimo di tutto e di più. Comunque ben vengano le start up, che, parlando di quelle tecnologiche e innovative, in Italia sono sempre troppo poche. Oggi infatti sono oltre 3 mila le startup innovative (erano 1.227 nel 2013), ma poi sono solo 197 sono quelle finanziate (113 nel 2013) con 36 (32) investitori istituzionali, di cui sei pubblici e 30 privati. Per inquadrare il fenomeno a tutto tondo, pensiamo che 100 (97) sono gli incubatori e acceleratori di cui 60 pubblici e 40 privati; 38 (40) i parchi scientifici di cui 35 pubblici e tre privati; 62 (63) gli spazi di coworking; 52 (33) le competizioni dedicate alle start up.

start up © iStockPhoto

Dobbiamo però fare ancora di più per dare slancio, ma soprattutto sostanza e capacità di crescere alla nostra forte natura imprenditoriale, che negli ultimi anni di crisi economica ha pagato pegno, vedendo nascere meno imprese e chiuderne di più. Anche se qui abbiamo qualche debole segnale positivo: a fine 2014 il saldo tra aperture e chiusure di aziende è positivo per 30 mila unità. Le imprese registrate sono così cresciute nel 2014 del 0,51% rispetto allo 0,21% dell’anno precedente. Un risultato determinato dalla fortissima frenata delle cessazioni (31 mila in meno dell’anno precedente), che tornano ai livelli precedenti il 2010, indicando forse una potenziale inversione di tendenza.

"

SEMPRE PIÙ MANAGER SCELGONO
LA VIA IMPRENDITORIALE DI FRONTE
ALLA PERDITA DELL’INCARICO

"

Bello è poi scoprire che oggi tra i protagonisti di tante start up, innovative o classiche, ci sono sempre più manager, che hanno scelto, volenti o nolenti, la via imprenditoriale di fronte alla perdita dell’incarico o a un lavoro che gli stava stretto. Ancor più importante è sapere che le imprese lanciate da loro sono quelle che raggiungono i migliori risultati per dimensione (fatturato e dipendenti), innovazione e diffusione (Europa o mondo). Anche in questo senso, sono stati sicuramente ben investiti i 9,7 milioni di euro, finanziati dal Fondo sociale europeo, destinati e interamente spesi negli anni scorsi dal ministero del Lavoro su iniziativa di Italia Lavoro per sviluppare politiche attive a favore dei manager e della competitività e innovazione delle imprese. Queste politiche tese a incentivare l’assunzione di dirigenti e quadri disoccupati, soprattutto nelle pmi, e forme di autoimpiego o creazione d’impresa non possono che aver rafforzato le fondamenta del tessuto imprenditoriale e economico nazionale.

Basti pensare che proprio chi è stato dirigente, quando diventa imprenditore, mettendo in piedi un’azienda propria o con una forte partecipazione personale, punta da subito sul darle, anche grazie alla sua presenza, una forte organizzazione e gestione manageriale. Questo trova ancor più forza dal fatto che questi imprenditori ex dirigenti, appena possono creano nella loro azienda una struttura di governance e organizzativa con ruoli ben definiti tra imprenditori e management, e i manager li prendono dall’esterno e li nominano dirigenti dando loro deleghe e poteri, per avere in cambio responsabilità e risultati. Qualcosa di simile a quello che era successo negli anni ’60 con gli operai che uscivano dalle aziende per diventare imprenditori del loro indotto, che qui succede con i manager, ma senza che ci sia nessun indotto da sviluppare, ma tutto da inventare.

Insomma, per concludere. Ben vengano le start up, e facciamo di tutto affinché ce ne siano sempre di più e sempre più nei settori a più elevato tasso di sviluppo e valore aggiunto. Però, attenti a quello che succede dopo. Se vogliamo che queste start up ripaghino con gli interessi sforzi, speranze ecc. dobbiamo favorire quelle a maggior possibilità e tasso di successo, perché sono innovative, sono nei settori tecnologici e a maggior valore aggiunto e perché hanno forti dosi di managerialità nella loro organizzazione. Tutto questo per avere maggiori garanzie di crescere solide, nuove e capaci di muoversi al meglio sui mercati mondiali.

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Progetto manager

Guido Carella è presidente di Manageritalia, la federazione nazionale dei dirigenti, quadri e professional di commercio, trasporti, turismo, servizi e terziario avanzato. L’associazione rappresenta in tutto il Paese circa 35.500 professionisti

Archivio