Tra leader promossi e bocciati, da dove ripartiamo?

Una bella indagine uscita recentemente su La Stampa fa il punto sulle attuali classi dirigenti secondo gli italiani . Promossi, cioè apprezzati da più di metà degli italiani interpellati, sono i responsabili di associazioni non profit (66,1%), gli esponenti del mondo dell’università e della cultura (59,3%). Rimandati, perché chi li apprezza è una maggioranza risicata, sono gli imprenditori e i manager delle imprese (50,4%).

© iStockphoto.com/shironosov

Da apprezzare, in questo caso, c’è anche il fatto che gli italiani siano consci della differenza tra gli imprenditori e i dirigenti che fanno funzionare le aziende, quelli che incontrano al lavoro e nella vita di tutti i giorni, e quei manager o imprenditori che sono ai vertici di banche o istituzioni bancarie, sonoramente bocciati perché apprezzati solo dal 16% del campione. Bocciati sono anche tutti gli altri proposti nell’indagine come classe dirigente: magistrati (48,7%), giornalisti (e opinionisti 41,8%), dirigenti delle associazioni di categoria imprenditoriali (39%), gerarchia ecclesiastica (35,3%), politici italiani ed europei (20,1%) e regionali (20,1%), seguiti da dirigenti dei sindacati (17,4%). Insomma, una vera Caporetto per le nostre classi dirigenti attuali . Ma non possiamo di certo ripartire solo da chi è promosso o, volendo, anche rimandato. Un Paese, per crescere, ha bisogno di contare su una leadership virtuosa, sinergica e condivisa di tutte le sue componenti economiche e sociali vitali. Magari un gioco di squadra dove ognuno ricopra il proprio ruolo, guardando più all’interesse generale che a quello particolare. E qui proprio non ci siamo! Perché sino a oggi pare che troppi si siano preoccupati solo dei fatti loro o della loro tribù , non capendo che alla lunga, se questi non collimano con quelli generali del Paese, tutto va in malora. Anche gli italiani li hanno aiutati e spinti. Ne è una prova il fatto che ancora oggi la propria fazione risulta determinante nella formazione dei giudizi. Basti pensare che nell’indagine i magistrati sono apprezzati, come dicevamo, dal 48,7% degli italiani. Ma dal 53,9% di chi si colloca a centrosinistra e dal 36,5% di chi si colloca a centrodestra. Insomma, il giudizio non è per nulla oggettivo o di merito.
Allora, come dicono gli italiani intervistati, circa le caratteristiche della futura classe dirigente che vorrebbero guidasse l’Italia, servono soprattutto: visione strategica e capacità di anticipare e affrontare i problemi (35,3%), moralità, legalità ed etica (33,6%) e, al terzo posto, competenza professionale (16,6%). Anche qui mi pare che non ci siamo. Tutte queste caratteristiche devono essere dei must nel profilo dei leader, ma tutte insieme e ai massimi livelli. E visto che ci riempiamo tanto la bocca di merito, ma ne mastichiamo poco, la competenza professionale è la condicio sine qua non . E visto che parliamo di progresso, questa classe dirigente vediamo anche di ringiovanirla e aprirla alle donne. Insomma, forse, dobbiamo andare non solo a scuola per imparare la leadership, ma anche per capire come sceglierci i leader.
In questo contesto è necessario anche un nuovo ruolo delle parti sociali . Il riscatto deve venire, subito e con forza, cominciando ad agire soprattutto nell’interesse dell’Italia, e non per forza al seguito della politica. Dobbiamo ripartire da un Paese che non dipenda in tutto e per tutto dalla politica, che negli ultimi anni si è presa troppi e impropri spazi. Anche e soprattutto nel mondo del lavoro ci sono bisogni e ambiti perché le parti sociali agiscano per cambiare e migliorare molti aspetti che dipendono solo da noi. Dobbiamo cominciare a chiedere e pretendere dalla politica azioni per facilitare produttività e competitività del sistema. Qualcosa si sta muovendo, ma c’è fretta di agire bene, con lungimiranza.

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Progetto manager

Guido Carella è presidente di Manageritalia, la federazione nazionale dei dirigenti, quadri e professional di commercio, trasporti, turismo, servizi e terziario avanzato. L’associazione rappresenta in tutto il Paese circa 35.500 professionisti

Archivio