Welfare, chi era costui?

Oggi si parla sempre più spesso di welfare, anche se di fatto ce n’è sempre meno a livello statale, mentre aumenta quello contrattuale e/o aziendale.

Infatti, il Welfare State è in ritirata proprio nella sua patria, l’Europa. Qui ebbe i suoi primi vagiti nel 1600, si rafforzò nella prima rivoluzione industriale e prese corpo nel primo Dopoguerra. Qui trova oggi seri problemi di sostenibilità.

L’ “altro” welfare, invece, si è sviluppato, principalmente a partire dal primo Dopoguerra, in alcuni contratti collettivi nazionali di lavoro e in alcune aziende. In Europa ha prevalso lo sviluppo a livello contrattuale, seppure vi siano fulgidi esempi di welfare aziendale quale quello della Olivetti dei tempi d’oro e di altre – poche, ma non pochissime – aziende più o meno grandi e note. Mentre fuori dal Vecchio Continente, soprattutto in Usa, ha prevalso quello aziendale, diventando oggi sempre più un modo per attrarre i lavoratori e dare loro benessere.

Adriano-Olivetti © Getty Images

Adriano Olivetti è stato uno dei primi imprenditori al mondo a promuovere forme di welfare all'interno delle aziende

Come descrivere se non così aziende quali Google dove ci sono asili nido per i figli, palestre per i dipendenti, formazione per i lavoratori e addirittura i loro familiari, sanità, previdenza e soprattutto servizi e orari di lavoro capaci di conciliare al meglio le esigenze dell’azienda e quelle dei singoli.

Bene, tutto questo ben di Dio lo hanno anche alcune aziende italiane, anche se forse non con tutte quelle opzioni e quegli estremi. Ma soprattutto lo hanno i contratti collettivi di lavoro, alcuni da anni e oggi, almeno a un livello minimo, quasi tutti. A riprova del fatto che non tutto quello che è sindacato è vecchio e da rottamare.

Insomma, il welfare, in calo nell’alveo pubblico, è sempre più al centro della vita e del lavoro di oggi. Se ne parla e se ne fa in tanti modi. Il Governo lo favorisce nella recente legge di Stabilità legandolo alla produttività per i dipendenti e lo introduce poi anche per le partite Iva con un apposito decreto legge.

"

C’È BISOGNO DI UN SINDACATO

CHE PENSI A TUTTI SENZA TEMERE

LE SFIDE DELLA NUOVA ECONOMIA

"

A riprova dell’importanza che ormai tutti gli riconoscono per darci reali prospettive di crescita, il welfare è oggi diventato in Italia anche un indice. È, infatti, prossimo al debutto ufficiale il Welfare Index pmi, il primo indicatore che misura il welfare aziendale delle piccole e medie imprese italiane. Promosso da Generali Italia, con la collaborazione di Confagricoltura e Confindustria, questo indice si propone come un servizio gratuito che consente alle imprese di misurarsi sotto questo aspetto.

Lo sviluppo e l’essenza di questo indice ci svelano tante cose. Ha infatti coinvolto 2.140 aziende per misurare dieci piani di intervento delle pmi: dalla previdenza integrativa alla salute, dalle assicurazioni per dipendenti e famiglie alla tutela delle pari opportunità e del sostegno ai genitori. Analizzate anche la possibilità di conciliare lavoro e famiglia, la formazione, la sicurezza e la prevenzione, senza dimenticare il sostegno economico ai dipendenti, alla mobilità delle generazioni future, ai soggetti deboli e il welfare allargato al territorio.

Insomma, una chiara dimostrazione, se mai ce ne fosse bisogno, che del sindacato capace di ragionare a favore di tutti, come ha fatto nella decennale costruzione di un virtuoso welfare contrattuale, e innovativo, quando guarda al benessere e alla produttività di persone e aziende, c’è un gran bisogno.

E per far sì che tutte le aziende, anche quelle piccole e medie, in Italia così diffuse, abbiano reali chance di guardare a uno sviluppo strutturale e di crescere per dimensione, ma soprattutto per cultura e mentalità, serve anche il sindacato. Un sindacato capace di tracciare vere e concrete linee guida del welfare a livello di contratto nazionale e poi seguire e favorire la loro messa in opera a livello di singola azienda. Uno che non abbia paura delle sfide, ma che le cavalchi per vincerle. E serve anche uno Stato che non arretri in toto e crei il terreno favorevole a far sì che il welfare divenga una vera e propria arma competitiva.

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Progetto manager

Guido Carella è presidente di Manageritalia, la federazione nazionale dei dirigenti, quadri e professional di commercio, trasporti, turismo, servizi e terziario avanzato. L’associazione rappresenta in tutto il Paese circa 35.500 professionisti

Archivio