Il denaro deve servire e non governare

Jorge Maria Bergoglio, Papa Francesco © Getty Images

Papa Francesco

«La crisi mondiale che tocca la finanza e l’economia
sembra mettere in luce le loro deformità
e soprattutto la grave carenza della loro
prospettiva antropologica, che riduce l’uomo
a una sola delle sue esigenze: il consumo.
E peggio ancora, oggi l’essere umano
è considerato egli stesso come un bene
di consumo che si può usare e poi gettare».

«Il reddito di una minoranza cresce in maniera
esponenziale, quello della maggioranza si
indebolisce. Questo squilibrio deriva da ideologie
che promuovono l’autonomia assoluta dei mercati
e la speculazione finanziaria, negando così il diritto
di controllo agli stati pur incaricati di provvedere
al bene comune. Si instaura una nuova
tirannia invisibile, a volte virtuale, che impone
unilateralmente e senza rimedio possibile le sue leggi
e le sue regole. Inoltre, l’indebitamento e il credito
allontanano i Paesi dal loro potere d’acquisto reale.
A ciò si aggiungono, oltretutto, una corruzione
tentacolare e un’evasione fiscale egoista che hanno
assunto dimensioni mondiali. La volontà di potenza
e di possesso è diventata senza limiti».

«Il denaro deve servire e non governare». (Papa Francesco)

Jorge Maria Bergoglio (Buenos Aires, 17 dicembre 1936) Gesuita, già arcivescovo di Buenos Aires, è il primo Papa argentino nella storia della Chiesa cattolica. Eletto pontefice il 13 marzo 2013, si è sempre distinto per la sobrietà nello stile di vita e per la costante vicinanza agli ultimi.

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Razione K

La razione K è una razione individuale giornaliera di sopravvivenza introdotta dagli statunitensi nel 1942 nel corso della seconda guerra mondiale e fu formulata dal fisiologo americano Ancel Keys. Attualmente le razioni K si sono largamente diffuse e sono usate anche dall’esercito italiano e si presenta come un sacchetto sottovuoto verde scuro, contrassegnato da diversi colori per stabilirne le differenti versioni, in cui cambiano gli alimenti. Solitamente è composta da pasta e fagioli, tonno, tacchino o maiale, medaglioni di carne, sgombro, carne bovina o pollo. All'interno vi si trovano inoltre pastiglie per disinfettare l'acqua, fibra da assumere in pillole, un supporto per cuocere le pietanze, tavolette combustibili, fiammiferi, sali minerali in polvere e una confezione monouso per l'igiene dentale. Ovviamente, date le necessità di conservazione, non vi è rappresentata la verdura, mentre la frutta è presente in diverse componenti, secca o in barrette, sottovuoto o sciroppata, etc. Per gli stessi motivi di conservazione, il latte è sempre condensato.

Per noi rappresenta il concentrato di un pensiero, normalmente filosofico-economico, che abbiamo trovato interessante e che ci piace condividere con i nostri lettori. Leggere (consumare) Razione K non arreca danno a noi stessi e agli altri, dunque ciascuno sceglierà se leggerla o meno, se trarne beneficio o meno.

Razione K è una rubrica curata dalla redazione di Business People, che ogni mese propone cosa consumare (leggere) per la nostra salute

Archivio