Senza possibilità di fuga

Non è forse naturale per noi fare un passo indietro, perdere la fede nella costanza della bontà, nell’indivisibilità della verità, e limitarci a confidare al mondo le nostre amare, distaccate osservazioni: come il genere umano sia diventato corrotto senza speranza, come gli uomini siano degenerati e come sia difficile per le poche anime belle e pure vivere in mezzo a loro? No, noi non abbiamo nemmeno la possibilità di ricorrere a questa fuga. Chiunque abbia preso a cuore il mondo una volta non può evadervi mai più. Anche lo scrittore non è il giudice distaccato dei suoi compatrioti e contemporanei, ma è complice di tutto il male compiuto nella sua terra di origine e dai suoi connazionali.

Aleksandr Solzhenitsyn, Nobel Lecture, 1970

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Razione K

La razione K è una razione individuale giornaliera di sopravvivenza introdotta dagli statunitensi nel 1942 nel corso della seconda guerra mondiale e fu formulata dal fisiologo americano Ancel Keys. Attualmente le razioni K si sono largamente diffuse e sono usate anche dall’esercito italiano e si presenta come un sacchetto sottovuoto verde scuro, contrassegnato da diversi colori per stabilirne le differenti versioni, in cui cambiano gli alimenti. Solitamente è composta da pasta e fagioli, tonno, tacchino o maiale, medaglioni di carne, sgombro, carne bovina o pollo. All'interno vi si trovano inoltre pastiglie per disinfettare l'acqua, fibra da assumere in pillole, un supporto per cuocere le pietanze, tavolette combustibili, fiammiferi, sali minerali in polvere e una confezione monouso per l'igiene dentale. Ovviamente, date le necessità di conservazione, non vi è rappresentata la verdura, mentre la frutta è presente in diverse componenti, secca o in barrette, sottovuoto o sciroppata, etc. Per gli stessi motivi di conservazione, il latte è sempre condensato.

Per noi rappresenta il concentrato di un pensiero, normalmente filosofico-economico, che abbiamo trovato interessante e che ci piace condividere con i nostri lettori. Leggere (consumare) Razione K non arreca danno a noi stessi e agli altri, dunque ciascuno sceglierà se leggerla o meno, se trarne beneficio o meno.

Razione K è una rubrica curata dalla redazione di Business People, che ogni mese propone cosa consumare (leggere) per la nostra salute

Archivio