Siate realisti, domandate l'impossibile

  • Elicone: Buongiorno, Caligola.
  • Caligola: Buongiorno, Elicone.
  • E: Sembri affaticato.
  • C: Ho camminato molto.
  • E: Sì, la tua assenza è durata molto.
  • C: Era difficile da trovare.
  • E: Che cosa?
  • C: Quello che volevo.
  • E: E che volevi?
  • C: La luna.
  • E: Che?
  • C: La luna. Sì, volevo la luna.
  • E: Ah, e per fare cosa ?
  • C: È una delle cose che non ho.
  • E: Sicuramente. E adesso è tutto a posto ?
  • C: No, non ho potuto averla. Sì, ed è per questo che sono stanco. Tu pensi che io sia pazzo?
  • E: Sai bene che non penso mai. Sono troppo intelligente per pensare.
  • C: Si, d’accordo. Ma non sono pazzo, e posso dire perfino non essere mai stato così ragionevole come ora. Semplicemente mi sono sentito all’improvviso un bisogno di impossibile.
  • Le cose cosi come sono non mi sembrano soddisfacenti.
  • E: È un’opinione diffusa.
  • C: È vero, ma non lo sapevo prima. Adesso lo so. Questo mondo cosi com’è fatto non è sopportabile. Ho bisogno della luna, o della felicità, o dell’immortalità, di qualcosa che sia demente forse, ma che non sia di questo mondo.
  • E: È un ragionamento che sta in piedi. Ma, in generale, non lo si può sostenere fino in fondo, non lo sai?
  • C: È perché non lo si sostiene fino in fondo che non lo si sostiene fino in fondo. E non si ottiene nulla. Ma basta forse restare logici fino alla fine.
  • E: Io so ciò che pensi. Quante storie, per esempio per la morte di una donna.
  • C: No, Elicone, non è questo. Mi sembra di ricordare, è vero, che alcuni giorni fa è morta una donna che io amavo. Ma cos’è l’amore? Poca cosa. Questa morte non è niente, te lo giuro. Essa è solo il segno di una verità che mi rende la luna necessaria. È una verità molto semplice e perfettamente chiara, un po’ stupida forse, ma difficile da scoprire e pesante da portare.
  • E: Ma, in fin dei conti cos’è la verità, Gaio ?
  • C: Gli uomini muoiono e non sono felici.


dal CALIGOLA di Albert Camus

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Razione K

La razione K è una razione individuale giornaliera di sopravvivenza introdotta dagli statunitensi nel 1942 nel corso della seconda guerra mondiale e fu formulata dal fisiologo americano Ancel Keys. Attualmente le razioni K si sono largamente diffuse e sono usate anche dall’esercito italiano e si presenta come un sacchetto sottovuoto verde scuro, contrassegnato da diversi colori per stabilirne le differenti versioni, in cui cambiano gli alimenti. Solitamente è composta da pasta e fagioli, tonno, tacchino o maiale, medaglioni di carne, sgombro, carne bovina o pollo. All'interno vi si trovano inoltre pastiglie per disinfettare l'acqua, fibra da assumere in pillole, un supporto per cuocere le pietanze, tavolette combustibili, fiammiferi, sali minerali in polvere e una confezione monouso per l'igiene dentale. Ovviamente, date le necessità di conservazione, non vi è rappresentata la verdura, mentre la frutta è presente in diverse componenti, secca o in barrette, sottovuoto o sciroppata, etc. Per gli stessi motivi di conservazione, il latte è sempre condensato.

Per noi rappresenta il concentrato di un pensiero, normalmente filosofico-economico, che abbiamo trovato interessante e che ci piace condividere con i nostri lettori. Leggere (consumare) Razione K non arreca danno a noi stessi e agli altri, dunque ciascuno sceglierà se leggerla o meno, se trarne beneficio o meno.

Razione K è una rubrica curata dalla redazione di Business People, che ogni mese propone cosa consumare (leggere) per la nostra salute

Archivio