Ford e Amazon insieme per l’auto "domotica"; ancora nulla di fatto con Google

© 2003 - 2015 CTA

La casa automobilistica americana non rinuncia però all’auto a guida autonoma

Ces 2016 è stato il teatro per un annuncio che mette in campo grandi novità sul fronte delle auto senza guidatore: Ford è pronta a dedicarsi a questo promettente business, ma la collaborazione con Google non è ancora un dato di fatto.

ACCORDO CON AMAZON. È questo ciò che traspare dalle parole del Ceo di Ford Mark Fields, che (invece di proclamare l’attesissimo annuncio fra la casa automobilistica americana e Big G) ha concluso la sua conferenza con la garanzia di continuare «a lavorare con i partner sulla guida autonoma», promettendo «altre news» in futuro. Ciò non significa che Ford abbia rinunciato alla sua corsa verso l’auto “intelligente”: ha solo cambiato partner. Il prescelto è Amazon: fra l’azienda di Bezos e la casa automobilistica è stato siglato l’accordo che permetterà l'integrazione tra il software Sync di Ford e l'assistente virtuale a forma di cilindro Echo. La tecnologia che ne conseguirà permetterà agli utenti di tenere sotto controllo le condizioni della propria auto da remoto e usare la voce per dare comandi alla vettura, integrando auto e domotica.

LE RIVALI. Comunque, Ford non sembra aver dimenticato il suo interesse per la guida autonoma: sono state aumentate di tre volte (arrivando ad un totale di trenta) le vetture senza pilota in fase di test in California, Arizona e Michigan. La sperimentazione si scontra con le norme stradali, non ancora pronte a recepire la novità; le modifiche ventilate per stare al passo con la tecnologia sono per il momento solo una possibilità. Inoltre, Ford non sarà sola nella corsa verso l’auto senza pilota: tale innovazione, infatti, ha attirato l’attenzione di numerose aziende, fra le quali le più agguerrite sono Uber e Lyft, servizi di trasporto automobilistico privato che sognano un futuro fatto di auto che raggiungano autonomamente i passeggeri grazie ad una semplice applicazione per smartphone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.