Nuova Maserati Quattroporte con un motore da Ferrari - Video

L’ultima sportiva di lusso del marchio modenese sviluppata in partnership con gli ingegneri di Maranello. Presentata al Salone di Detroit a gennaio, sarà il primo dei tre nuovi modelli su cui si basa il piano di sviluppo dell’azienda

Grandi manovre in casa Maserati. Dal prossimo anno la storica casa automobilistica di Modena (a oggi di proprietà del gruppo Fiat) avvierà un piano di crescita industriale e strategica senza precedenti, che porterà il marchio a produrre 50 mila vetture all’anno nel 2015. Il piano di crescita si basa su due nuovi segmenti di mercato e tre nuovi modelli, il primo dei quali – la nuova Maserati Quattroporte – debutterà a gennaio 2013 in occasione del Salone dell’auto di Detroit (14-27 gennaio 2013).
La nuova Quattroporte è una berlina di lusso sportiva ad alte prestazioni, che reinterpreta in un design contemporaneo i tratti distintivi di Maserati. Rispetto alla precedente versione, la vettura cresce nelle dimensioni e introduce nuovi elementi stilistici e funzionali, come ad esempio la linea di fiancata e i nuovi proiettori anteriori e posteriori.

UNA MASERATI CON FERRARI NEL CUORE. Novità della Maserati Quattroporte sono i motori, progettati e sviluppati dagli ingegneri di Maserati e Ferrari nel cuore della Motor Valley italiana. Saranno prodotti nello stabilimento Ferrari di Maranello – da 60 anni è sinonimo di passione ed eccellenza tecnologica d’avanguardia – e saranno i più potenti ed ecosostenibili mai prodotti da Maserati.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI. I progettisti Maserati hanno sviluppato d ingegnerizzato il telaio, ottimizzato la riduzione dei pesi, lavorato sull’ergonomia con l’obiettivo di creare una vettura adatta a ospitare diverse architetture motore e differenti configurazioni di trasmissione coniugando sempre quelle prestazioni, quella maneggevolezza e quel comfort che da sempre contraddistinguono tutti i modelli Maserati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Photogallery (6 foto)

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.