Torino torna capitale delle quattro ruote

Lingotto Fiere

La facciata esterna di Lingotto Fiere

Il prossimo anno, a undici dall’ultima edizione, il salone internazionale dell’auto tornerà ‘a casa’ per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia

Prima di chiudere i battenti nel 2002, il salone dell’auto di Torino è stata la prima vera manifestazione italiana (nonché la più longeva) dedicata alle quattro ruote. Nel 2011, a più di dieci anni dall’ultima edizione, il capoluogo piemontese tornerà a ospitare il salone internazionale dell’automobile. La notizia, annunciata dal presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, trova conferme anche da Gl Events, azienda che organizza il Motorshow di Bologna e di cui fa parte anche l’area espositiva ‘Lingotto Fiere’ di Torino.
“E’ giusto che Torino ospiti nuovamente il salone” spiega Giada Michetti, amministratore delegato di Gl Events Italia a Il Sole 24 ore . “Con il rilancio della Fiat – aggiunge l’ad di Gl Events Italia – la città è tornata a essere una delle capitali mondiali dell’auto”.
La manifestazione si terrà dal 26 al 5 giugno 2011 e sarà concentrata al Lingotto Fiere e all’adiacente Oval, ma per celebrare al meglio i festeggiamenti per l’Unità Gl Events prevede anche iniziative culturali connesse all’auto da realizzare al museo del Cinema nella Mole Antonelliana, a Torino Esposizione e al rinnovato Museo dell’Automobile. Ancora da decidere se il salone di Torino possa tornare a essere un appuntamento fisso nell’agenda degli appassionati delle quattro ruote. L’ad Michetti non si sbilancia e ammette che per il momento nel calendario di Gl Events è prevista solo la rassegna del 2011, per gli anni successivi “si valuterà cosa fare sulla base dell’accoglienza del prossimo anno”.
In ogni caso il Motorshow di Bologna non è a rischio: la kermesse emiliana ci sarà anche nel 2011, ma sarà un’edizione riservata allo sport, allo spettacolo e alle esibizioni. A Torino, invece, saranno privilegiati gli aspetti legati alla filiera dell’auto, alla produzione, alla storia e alla cultura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Per saperne di più