L’uomo che rifà il trucco alle aziende

Tre figli e una laurea in Economia all’Università degli Studi di Padova, nel 2006 Enrico Ceccato inizia a raccogliere insieme a Paolo Scarlatti il fondo Orlando Italy, attraverso il quale ha rilevato il 50% di Limoni e La Gardenia. Si definisce un “ristrutturatore” e vanta una lunga esperienza manageriale nel retail e consumer goods, in aziende come Autogrill, Sector Group, Perfume Holding, Allegri,Direct.it, Killer Loop e Fila Italia

Mai come in questo periodo ci sono state tante imprese bisognose di ristrutturazione. Invece il beauty rappresenta un settore che non conosce flessioni. Ecco come e perché il fondo Orlando Italy ha deciso di puntarci decisamente. Parla Enrico Ceccato, presidente di Llg-Leading Luxury Group

La bellezza? È business tutt’altro che fugace, se è vero com’è vero che il cosiddetto Lipstick index, ovvero l’indice coniato nel 2001 da Leonard Lauder, presidente di Estée Lauder, che mostra come la vendita di rossetti sia inversamente proporzionale al benessere economico, continua a mantenersi attivo e vigile in un’epoca in cui anche i consumi di primaria necessità (vedi l’alimentazione) registrano segni di cedimento. Forte di tale convinzione, Enrico Ceccato, insieme al socio Paolo Scarlatti in Orlando Italy, fondo di private equity che attualmente è attivo in Favini (grafiche di lusso), Gem (organizzazione grandi eventi), Cogetech (slot machine e videolotterie) e Perfume Holding (distributore di licenze altrui nonché proprietario del brand Atkinsons), lo scorso dicembre ha pensato di imprimere un’accelerazione al loro coinvolgimento nelle catene di profumerie Limoni e La Gardenia, dando vita a Llg-Leading Luxury Group, service company che gestisce e coordina le attività di entrambe. Il risultato più immediato è stata la creazione di un gruppo che include circa 500 negozi, per un fatturato aggregato pari a 370 milioni di euro, collocandosi così al vertice della distribuzione nazionale della cosmesi e tra i primi cinque al mondo. Al comando di una simile potenza di fuoco, in qualità di presidente, c’è appunto Ceccato, una storia professionale nella finanza e nel retail (si è occupato anche di Fnac e Autogrill), anche se lui oggi più che un mero investitore preferisce definirsi semplicemente un manager aziendale.

A tre mesi dall’annuncio della costituzione di Llg, che momento è quello attuale?

Intenso. Dal 2006, anno in cui abbiamo raccolto il fondo Orlando Italy a oggi non ci sono mai state tante aziende con problemi finanziari più o meno grandi, e bisognose di ristrutturazione… Non è un caso se abbiamo accelerato le acquisizioni negli ultimi 18 mesi e iniziato il fundraising per un nuovo fondo da 150 milioni; ci aspetta un periodo particolarmente impegnativo...

La lettura dell'articolo continua per gli utenti abbonati.

Se sei già abbonato a businesspeople.it clicca qui per effettuare il login.

Se non sei ancora abbonato a businesspeople.it clicca qui per scegliere la tipologia di abbonamento.

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.