Feste accorpate per Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza

Sobrietà. È questa la parola d’ordine per Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza; di fronte alla mancanza di fondi dello Stato, le tradizionali celebrazioni delle forze dell’ordine saranno accorpate in un’unica data, quella del 2 giugno (Festa della Repubblica), con la parata dei Fori imperiali a Roma.
Una nota del presidente del Consiglio dei ministri, Enrico Letta, ha disposto – su indicazione del capo dello Stato, Giorgio Napolitano – una ridefinizione al risparmio degli anniversari delle singole Forze armate, Corpi armanti e non nello Stato; tre eventi già in programma per il prossimo 16 maggio (festeggiamenti per la Polizia in piazza del Popolo a Roma), 5 giugno (Carabinieri, il Carosello in Piazza di Siena a Roma) e 20 giugno (Guardia di Finanza, Stadio dei Marmi a Roma). Le ricorrenze non saranno cancellate del tutto, ma si limiteranno a un semplice incontro tra i comandanti delle Forze dell’ordine, accompagnati da una rappresentanza di allievi degli istituti di formazione, e il capo dello Stato.

Maggiori informazioni e curiosità sulle nuove disposizioni dei festeggiamenti si possono trovare nelle circolari inviate da Palazzo Chigi, messe a disposizione del sindacato di Polizia Sap:
CIRCOLARE 1 CIRCOLARE 2

Leggi anche: festa della Repubblica, Napolitano taglia i festeggiamenti