Perché Liliane Bettencourt non era solo la donna più ricca del mondo

Liliane Bettencourt, erede unica dell'impero L'Oreal © FRANCOIS GUILLOT/AFP/Getty Images

Liliane Bettencourt non era solo la donna più ricca del mondo. Non era solo l'unica erede del gruppo L'Oréal. Era prima di tutto una grande protagonista dei nostri tempi, scomparsa a 94 anni anni «nella sua casa», come ha scritto la figlia Françoise Bettencourt Meyers. I numeri non mentono: seconda persona più ricca di Francia con un patrimonio di 39 miliardi di dollari (Forbes ), 14esima al mondo e prima donna nel globo. 

Chi era Liliane Bettencourt, l'anima di L'Oréal

Liliane Bettencourt controllava il 33% delle azioni di L'Oréal, la multinazionale francese della cosmesi fondata da suo padre Eugène Schueller nel 1907. Orfana della madre a soli 5 anni, nel 1927, Liliane dopo gli studi dalle suore aveva stretto un legame fortissimo con il padre che l'aveva portata a partecipare attivamente alla crescita dell'azienda dove aveva iniziato a lavorare a 15 anni come apprendista

Tre anni dopo il matrimonio con il politico francese André Bettencourt nel 1950, Liliana aveva dato alla luce la figlia Françoise. Poco dopo, alla morte del padre, aveva ereditato la guida di L'Oréal a soli 35 anni. Era stata lei a governare il passaggio verso una public company nel 1963, senza mai rinunciare al controllo dell'azienda. E nel 1987 aveva creato la Fondation Bettencourt Schueller che si occupa di aiutare lo sviluppo della scienza medica.

L'ultimo caso spinoso, prima del ritiro a vita privata rinunciando ai ruoli operativi, aveva riguardato presunti fondi neri per la campagna di Nicolas Sarkozy nel 200, ma l'ex premier francese era stato scagionato nell’ottobre 2013.