Festival di Cannes, trionfa Tree of Life

©GettyImages

I produttori di Tree of Life, Dede Gardner e Bill Pohlad

L’Odissea nello spazio e nella famiglia di Terrence Malick si aggiudica la Palma d’Oro. Ecco tutti i vincitori della 64esima edizione del Festival francese

O vince la Palma d’Oro o non vince niente. Era questa l’opinione condivisa dalla critica sul film di Terrence Malick , che tanto ha fatto parlare e discutere la stampa mondiale per la sua bellezza estetica, la sua ambizione, la straordinaria prova di Brad Pitt ma anche i suoi difetti e l’assenza del suo creatore, lontano dai flash e dalla Croisette persino nella serata del suo trionfo. Tree of Life vince la Palma d’Oro nella 64esima edizione del Festival di Cannes . Il premio è stato consegnato ai produttori Dede Gardner e Bill Pohlad : «È difficile prendere il posto di un gigante» ha detto quest’ultimo, confessando di aver parlato con Malick nel corso della giornata; «vi posso assicurare che è molto felice».

Nonostante le polemiche e il “massacro” mediatico di questi giorni, premiato anche Melancholia del «non gradito» Lars von Trier grazie a Kirsten Dunst , miglior attrice secondo la giuria presieduta da Robert De Niro (sconfitta dunque la favorita Tilda Swinton di We Need to Talk about Kevin ). Sul versante maschile è stato Jean Dujardin , protagonista del brillante film muto The Artist , ad aggiudicarsi la Palma come miglior attore, “strappandola” a Michel Piccoli – il Papa di Nanni Moretti – e Sean Penn – rockstar in pensione (e depressione) nel film di Paolo Sorrentino –, dati per favoriti. Alla fine nessun riconoscimeno per i due film italiani in Concorso.

Tra gli altri vincitori Nicolas Winding Refn , miglior regia per Drive (a nostro parere meritatissima) e l’yiddish Footnote , premiato per la miglior sceneggiatura. E poi i riconoscimenti speciali: il premio della Giuria è stato assegnato a Polisse della regista e attrice Maiwenn , mentre due (anzi, tre) grandi autori come i fratelli Jean-Pierre e Luc Dardenne e Nuri Bilge Ceylan , aficionados della Croisette, sono stati insigniti ex aequo del Gran Prix, rispettivamente per Il ragazzo con la bicicletta e Once upon a time in Anatolia .

Un palmares che rende giustizia a un grande Festival (data l’elevata qualità delle opere in Concorso), dove rimane solo un po’ di dispiacere per Aki Kaurismaki (e per il suo gioiellino, Le Havre ), che ingiustamente torna a casa a mani vuote.

Su BestMovie.it tutte le news dal Festival di Cannes

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Per saperne di più