L’elettricista suona sempre 220 volt

L’elettricista suona sempre 220 volt

Semi-serial thriller

«Rivide la vittima. Un uomo di terza età, con tre quarti addosso e mezza bottiglia di vino accanto. Folgorato da una potente scarica d’elettricità, come tutti gli altri che l’avevano preceduto. Chissà perché? Già, perché l’avevano preceduto? Qual era il legame tra così tante uccisioni? Perché il gruppo elettrogeno? Qual era il signifiato della scritta e del numero sul foglietto? (…) Le informazioni erano diventate davvero troppe e non riusciva più a governarle».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore: Andrea Fiore

Casa Editrice: Albatros

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.

Per saperne di più