La rivincita industriale del vinile è tutta un'altra musica

dischi vinile sony

Sony riavvia la produzione di dischi in vinile in Giappone a 30 anni dall'ultimo "disco nero" tagliato. Un mercato che rifiorisce, anche se per ora resta in mano a piccole realtà indipendenti

Lo streaming musicale ha salvato la musica e ucciso il Cd, ma non di certo i dischi in vinile pronti a resuscitare. Il ritorno della musica di qualità ( leggi il nostro speciale ) è un fenomeno in atto da tempo, ma che vede ora un passaggio epocale. Dopo quasi trent'anni, Sony tornerà a produrre dischi in vinile in Giappone . Il colosso giapponese aprirà una fabbrica per riavviare la produzione sospesa nel 1989 con l'arrivo sul mercato di Cd e poi degli Mp3.

SONY TORNA A PRODURRE DISCHI IN VINILE IN GIAPPONE

Sembra anche ora, d'altronde, se come raccontano i dati Bpi nel 2016 le vendite di vinili hanno superato quelle degli anni 80 . Sony Music , che aveva già installato una macchina tagliavinili nella filiale di Tokyo, dovrebbe portare sul mercato il primo lotto di vinili 2.0 con musica giapponese. Nel Paese asiatico c'è un unico produttore, Toyokasei , che non riesce a soddisfare le esigenze del pubblico locale.

In America nel corso di quest'anno sono già nate diverse aziende da Detroit a Miami . In Europa, invece, la produzione è localizzata soprattutto in Repubblica Ceca e Olanda , anche se la produzione di 100 mila pezzi al giorno fa fatica a sostenere le richieste del mercato. A giustificare l'affermazione di aziende di nicchia è la difficoltà nel reperire ingegneri esperti in materia, ma ora sul mercato tornano anche i colossi.

Secondo Deloitte, infatti, i vinili varranno nel solo 2017 ben 1 miliardo di dollari , mentre Cd e download sono in costante calo, colpiti dalla diffusione dello streaming attraverso Spotify e altri servizi online.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.