Il turismo viaggia online, il Belpaese a che punto è?

Il 40% dei viaggi vengono prenotati sul web, agenzie e tour operator sempre più marginali ma ancora forti sui viaggi d'affari. Tutti i temi della Bit 2017

Gli italiani hanno compiuto nel 2016 ben 66 milioni di viaggi, secondo l'Italia, per la prima volta in crescita (+14%) rispetto all'anno precedente. Oltre la metà dei viaggi è prenotata direttamente (53,9% dei viaggi di lavoro e 49,8% delle vacanze lunghe), circa il 42% avviene senza prenotazione (44,6% se parliamo di vacanze brevi) e solo il 7% tramite agenzia o tour operator (più frequente per i viaggi d'affari -12% - e vacanze lunghe, 7,9%). Ma è internet il mezzo preferito: sul web sono stati prenotati quasi il 40% dei viaggi. Lo raccontano i dati presentati alla Bit 2017, che si conclude oggi a Milano.

Il mercato dell’eTourism è vitalissimo Le prenotazioni online arrivano a quasi il 40% dei viaggi e sono in crescita, rispetto all’anno precedente, di circa il 30% per le vacanze (+40,7% per quelle lunghe). Per le vacanze di riposo o svago la scelta ricade in prevalenza su mete italiane (48,9%); all’estero, invece, sono più frequenti le visite di carattere culturale al patrimonio artistico, monumentale e archeologico (30,6%). In totale gli italiani hanno dormito fuori casa 355 milioni e 849 mila notti. Gli alloggi privati si confermano la sistemazione preferita (55,6% dei viaggi, 62,1% delle notti), soprattutto per le vacanze lunghe (60,8% dei viaggi, 65% delle notti). Le strutture collettive sono gli alloggi più frequentati per i viaggi di lavoro (75,3% dei viaggi, 61,1% delle notti). Le vacanze brevi (fino a tre pernottamenti), stimate in 29,3 milioni, crescono del 20,7% rispetto al 2015, quelle lunghe, pari a 29,9 milioni, dell’11,3%. Sostanzialmente stabili rispetto al 2015 i viaggi per motivi di lavoro (6,7 milioni).

Le vacanze lunghe estive trascorse in Italia hanno più frequentemente come destinazione la Puglia (12,9%) e l’Emilia Romagna (11,4%), mentre il Trentino Alto Adige è la meta preferita in inverno (24,8%) e autunno (16,3%). Per i viaggi in Europa e intercontinentali, le regine sono la Spagna e gli Stati Uniti. La Spagna è la meta più scelta per le vacanze lunghe all’estero (12%), la Francia per quelle brevi (22,1%), mentre la Germania è il paese più frequentato per motivi di affari (17,4% dei viaggi di lavoro all’estero). A livello extra europeo, gli Stati Uniti sono la destinazione preferita per le vacanze lunghe (16,4%), la Cina per i viaggi d’affari (8,4%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.