Ristoranti d’Italia 2012, Bottura e Vissani al top

La ventiduesima edizione della guida Ristoranti d’Italia del Gambero Rosso assegna 23 Tre Forchette

Sono Massimo Bottura e Gianfranco Vissani i re degli chef made in Italy. La doppia incoronazione arriva dalla guida ai Ristoranti d’Italia 2012 del Gambero Rosso , la guida che a suon di forchette, ormai da 22 anni, incorona l’eccellenza della ristorazione italiana. Per entrambi il punteggio di 95/100. Al secondo posto Heinz Beck (94/100), seguito da Le Calandre con lo chef Massimiliano Alajmo , Don Alfonso con la famiglia Iaccarino , Piazza Duomo con lo chef Enrico Crippa e Reale di Niko Romito (93/100). Sono questi i primi tra degli chef a capo dei ristornati ai quali la guida rossa ha attribuito le prestigiose Tre Forchette . In tutto 23, con tre nuovi ingressi: il Pellicano a Porto Ercole, La Gazza Ladra a Modica e La Stua de Michil a Corvara in Badia (in realtà questo è un ritorno).

Tra le regioni, Campania, Piemonte e Toscana, con tre locali a testa, detengono il primato delle Tre Forchette, seguiti da Veneto, Lombardia, Sicilia, Marche e Friuli.

Tra i riconoscimenti speciali della guida, il premio per il Sommelier attento al mondo della birra (in collaborazione con Birra Moretti) andato a Giuseppe Palmieri dell’Osteria Francescana di Modena e il premio per il cuoco emergente: Damiano Donati , giovane e promettente chef di soli 25 anni, in forza al ristorante Serendepico di Capannori (LU).

LE TRE FORCHETTE 2012
95
95
Vissani di Baschi (TR)
Osteria Francescana di Modena
94 La Pergola de l’Hotel Rome Cavalieri di Roma
93
93
93
93
Don Alfonso 1890 di Sant’Agata sui Due Golfi (NA)
Reale di Castel di Sangro (AQ)
Le Calandre di Rubano (PD)
Piazza Duomo di Alba (CN)
92
92
92
92
92
Oasis Sapori Antichi di Vallesaccarda (AV)
La Torre del Saracino di Vico Equense (NA)
Laite di Sappada (BL)
Dal Pescatore Santini di Canneto sull’Oglio (MN)
Villa Crespi di Orta San Giulio (NO)
91
91
91
91
91
Combal.zero di Rivoli Torinese (TO)
La Madia di Licata (AG)
La Madonnina del Pescatore di Senigallia (AN)
St. Hubertus de l’Hotel Rosa Alpina di San Cassiano (BZ)
Trussardi alla Scala di Milano
90
90
90
90
90
90
Da Caino di Montemerano (GR)
La Gazza Ladra dell’Hotel Palazzo Failla di Modica (RG)
Lorenzo di Forte dei Marmi (LU)
Il Pellicano di Porto Ercole (GR)
La Stua de Michil de l’Hotel La Perla di Corvara in Badia (BZ)
Uliassi di Senigallia (AN)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.