Vendemmia 2015, anticipata la raccolta dell’uva

Il caldo torrido dell’estate in corso mette già in moto la vendemmia: non accadeva da almeno un decennio

L’estate del 2015 è calda, anzi, caldissima: se ne sono accorti anche i viticoltori, che quest’anno sono già pronti con la vendemmia. La raccolta dell’uva, secondo Coldiretti, non veniva così sensibilmente anticipata da almeno un decennio.

 

CALDO RECORD. In alcune zone d’Italia la vendemmia è già cominciata; sono già in azione, infatti, i coltivatori delle zone di produzione dello spumante Franciacorta, concentrate nella provincia di Brescia. A spiegare questa accelerazione sono le condizioni meteorologiche e l’eccezionale ondata di caldo che ha investito la nostra Penisola. Grazie, dunque, a questo clima torrido, la vendemmia 2015 è la seconda più precoce del dopoguerra; mantiene il primato incontrastato la vendemmia del 2003, che cominciò addirittura il 2 agosto.

 

UNA BUONA ANNATA. In ogni caso, le stime di Coldiretti diventeranno definitive solo nelle prossime settimane; per il momento, a rassicurare i produttori vinicoli è il più che buono stato fitosanitario dei vigneti, che non presentano particolari problematicità e fanno sperare in una qualità migliore di quella dello scorso anno. Nel frattempo, irrigazioni mirate prevengono possibili situazioni critiche, affrontando in anticipo la siccità che comincia a farsi sentire.

 

VINO MADE IN ITALY. Il mercato del vino in Italia è forte e florido, generando fatturati annui pari a 9,5 miliardi di euro e occupando 1,25 milioni di persone. Le oltre 200 mila aziende vinicole italiane lavoreranno su 650 mila ettari di vigne per produrre il buon vino italiano (almeno il 40% della produzione interesserò prodotti a denominazione di origine controllata Doc e di origine controllata e garantita Docg), che è sempre più amato nel mondo: il valore delle esportazioni è aumentato, infatti, per una quota pari al 6% nel primo quadrimestre 2015.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.