Così le donne al potere salveranno l'economia

L’aumento del numero delle aziende di proprietà di donne cambia le strategie di business. Il caso della Norvegia, leader per donne nei cda: il contributo femminile garantisce il 10% di rendimento in più

L’economia femminile si sta affermando come una forza potente, e si prevede che il reddito femminile globale raggiungerà quota 24 trilioni di dollari entro il 2020, più della Cina o degli Stati Uniti. E il numero sempre crescente di donne in posizioni di leadership esecutiva cambierà il mondo del business. A dirlo è uno studio di Frost & Sullivan, The Next Frontier of Growth—Women as Corporate Customers , che fa parte del servizio Visionary Innovation (Mega Trends) Growth Partnership Subscription (GPS).

I numeri raccontano che le aziende di proprietà di donne rappresenteranno oltre il 40% delle imprese registrate in tutto il mondo entro il 2020 , il che si traduce in un vasto mercato di clienti aziendali donna. La regione Asia-Pacifico avrà la più grande forza lavoro femminile e i Millennials rappresenteranno la più grande percentuale di lavoratori di sesso femminile nel 2025; l'Africa continuerà ad essere in testa per l’imprenditoria femminile. In Europa, la Norvegia sta lavorando per raggiungere la parità di genere nella forza lavoro e ha la più alta percentuale di donne (il 42%) nei cda nel 2014/15. È stato osservato che le aziende con almeno una donna nel cda hanno un rendimento migliore del 10% rispetto alle aziende guidati da soli uomini . Inoltre, le aziende con almeno il 30% di donne in posizioni dirigenziali hanno in media un aumento del 25% nei tassi di profitto.

«Entro il 2025 le donne cambieranno il paesaggio della forza lavoro, con un tasso medio di partecipazione che raggiungerà il 40% e potenzialmente a ltri 250 milioni di donne lavoratrici» , afferma Oliva Price-Walker, Principal Consultant del gruppo Visionary Innovation di Frost & Sullivan. «Ciò colmerà il divario di genere nel tasso di partecipazione al lavoro del 25%, il che, a sua volta, avrà un enorme impatto economico sia nei Paesi in via di sviluppo sia nelle economie sviluppate . Le donne hanno dominato il mercato globale controllando quasi 31 trilioni di dollari di spesa dei consumatori nel 2014 e si prevede che questa cifra aumenterà fino a quota 43 trilioni entro il 2020. Ciò probabilmente causerà un enorme cambiamento nei comportamenti dei consumi e degli acquisti e aprirà nuove opportunità per le aziende che trattano beni di consumo e servizi. Le aziende che meglio si adattano a questo nuovo segmento di acquirenti sono destinate a crescere nel prossimo decennio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.